IQNA

23:54 - July 30, 2019
Notizie ID: 3484191
Washington-Iqna- Più di due milioni di musulmani si accingono a partecipare ai riti del Hajj (pellegrinaggio annuale alla Mecca) quest'anno, ma nonostante ciò molti musulmani desiderano boicottare l'Arabia Saudita a causa del suo intervento militare nello Yemen
I musulmani di tutto il mondo sostengono il boicottaggio dell'Arabia Saudita

Più di due milioni di musulmani si accingono a partecipare ai riti del Hajj (pellegrinaggio annuale alla Mecca) quest'anno, ma nonostante ciò molti musulmani desiderano boicottare l'Arabia Saudita a causa del suo intervento militare nello Yemen che ha portato fino ad ora alla distruzione del paese e all'uccisione di un gran numero di civili.


Il regista Faraz Rahman, che vive a Sydney, crede che partecipare all'Hajj non sia moralmente corretto nella situazione attuale.


"Partecipare all'Hajj significa fornire aiuti finanziari al regime saudita che sta uccidendo i musulmani yemeniti. Ciò è contrario allo scopo originale del Hajj. I leader religiosi di spicco hanno chiesto un boicottaggio dell'Hajj e spero che questo ispirerà altri leader religiosi a fare lo stesso ", ha detto.


Un altro musulmano che vive a Melbourne, che non ha voluto menzionare il suo nome, ha dichiarato: "L'unica opzione per i musulmani nel mondo è boicottare l'Arabia Saudita e inviare alle autorità saudite il messaggio che la follia (la guerra nello Yemen) deve finire".


Ani Zonneveld, capo della Muslim Respect for Values ​​Organization, con sede negli Stati Uniti, ha dichiarato che l'Hajj per i musulmani significa "purificazione dell'anima" e "comunicazione con Dio", ma che nel contesto odierno andare in pellegrinaggio significa sostenere il regime saudita che è responsabile della fame nello Yemen.


Adel Salman, vice segretario del Consiglio islamico di Victoria, in Australia, ha affermato di non sostenere l'idea del boicottaggio, ma di capire il perché molti musulmani in tutto il mondo volessero boicottare l'Arabia Saudita per i crimini commessi nello Yemen e la sofferenza provocata in questo paese.

 

http://iqna.ir/fa

Nome:
Email:
* Commento: