IQNA

16:01 - August 21, 2019
Notizie ID: 3484254
Iqna- Israele sta promuovendo attivamente l'emigrazione dei palestinesi dalla Striscia di Gaza, pagando anche i costi per lasciare l'enclave costiera palestinese

A causa delle misure restrittive del regime di Tel Aviv contro l'assediata Striscia di Gaza, “solo nel 2018, oltre 35.000 abitanti dell'enclave costiera hanno lasciato la regione, esclusi quelli che se ne sono andati, ma poi sono tornati. Si tratta di un numero abbastanza alto", ha dichiarato un alto funzionario israeliano al quotidiano The Times of Israel.

Il funzionario, che ha parlato a condizione di anonimato, ha rivelato che Israele è pronto a sostenere i costi dell'emigrazione dagli abitanti di Gaza, in modo che si stabiliscano in paesi del Medio Oriente o dell'Europa. Israele intende facilitare la partenza dei palestinesi attraverso gli aeroporti israeliani, in modo che venga offerta loro per partire da lì verso i paesi ospitanti, ha aggiunto.

 Per facilitare l'emigrazione dei palestinesi, il regime israeliano ha tenuto incontri con diversi paesi europei e arabi per convincerli ad accettare gli abitanti di Gaza. Il funzionario israeliano ha anche affermato che per un anno il consiglio di sicurezza nazionale ha guidato il progetto di emigrazione palestinese, con l'approvazione del premier Benjamin Netanyahu.

 Sempre più palestinesi sono incapaci di sopportare la vita quotidiana a Gaza, poiché il blocco israeliano duraturo, iniziato nel giugno 2007, ha affondato l'economia e ha impedito ai cittadini della zona di godere dei diritti fondamentali, come libertà di movimento o accesso a un lavoro, salute e istruzione, tra gli altri.

 

lantidiplomatico.it

 

Nome:
Email:
* Commento: