IQNA

Arabia Saudita, in atto persecuzione religiosa contro sciiti

23:49 - November 25, 2022
Notizie ID: 3488281
Iqna - L’Organizzazione saudita europea per i diritti umani (ESOHR) nei giorni scorsi ha riferito che l’Arabia Saudita ha aggiunto 15 cittadini alla sua lista di esecuzione

Arabia Saudita, in atto pulizia etnica contro sciiti

 

L’Arabia Saudita ha emesso condanne a morte per giovani sciiti senza alcuna regolare condanna. In risposta ai piani di esecuzione, gli hashtag con la scritta “ferma il massacro” si stanno diffondendo sui social media. 

L’Organizzazione saudita europea per i diritti umani (ESOHR) nei giorni scorsi ha riferito che l’Arabia Saudita ha aggiunto 15 cittadini alla sua lista di esecuzione. Con il nuovo verdetto, il numero di coloro che attendono l’esecuzione con la spada nelle carceri sarebbe 53, di cui otto sotto i 18. 

Il SaudiLeaks, un sito web di informatori incentrato sugli affari interni dell’Arabia Saudita, ha avvertito in una dichiarazione del deterioramento della situazione dei diritti. In una dichiarazione rilasciata dal sito web, si evince un avvertimento sulle crescenti pressioni sui prigionieri politici e sulle condanne ingiuste contro di loro. Con alcune libertà superficiali e fasulle, il principe ereditario saudita Mohammed bin Salman sta cercando di distrarre l’attenzione dalle gravi condizioni dei diritti umani nel Paese. 

Arabia Saudita si conferma nemica dell’Islam

La condanna a morte per i minori di 18 anni non è consentita secondo la legge islamica. La condanna a morte non viene eseguita per i criminali fino al raggiungimento dell’età legale. Il regime saudita, contrariamente alle sue affermazioni, non si attiene ai principi religiosi e, negli ultimi anni, ha dimostrato di non aver paura di giustiziare anche gli adolescenti per eliminare i dissidenti. 

Oltre a questi adolescenti, nei giorni scorsi è stato condannato a morte anche un bambino di 13 anni, scatenando le reazioni delle organizzazioni per i diritti umani. Questo bambino aveva otto anni quando è stato arrestato. Con tali azioni contrarie ai diritti umani, il regime saudita ha messo ancora una volta il suo nome in cima alla lista dei violatori dei diritti umani. 

Le esecuzioni di massa, le detenzioni indiscriminate, la tortura degli attivisti politici e la repressione dell’attivismo politico e la libertà di parola sono tra gli esempi delle violazioni dei diritti umani in Arabia Saudita. 

Sciiti bersaglio numero uno in Arabia Saudita

Ogni anno, l’Arabia Saudita giustizia con false pretese centinaia di persone, principalmente sciite, e alcune di queste vengono giustiziate in massa. Questi sono solo una parte dei crimini contro l’umanità del regime saudita che trovano spazio nei media. In realtà, il numero di persone vittime delle ambizioni delle autorità di Riyadh è molto più alto e, a causa della severa censura dei media, molti di questi crimini non vengono menzionati. 

Il regime saudita non consegna nemmeno i corpi di molte persone giustiziate alle loro famiglie, che vengono seppellite in luoghi sconosciuti dalle forze governative. I crimini di Riyadh sono così diffusi che le Nazioni Unite e le organizzazioni per i diritti umani hanno ripetutamente espresso preoccupazione. 

Dall’assunzione del potere del principe ereditario Mohammed bin Salman nel 2017, un gran numero di condannati a morte sono adolescenti. The Human Rights Watch (HRW) ha riferito che le condizioni dei diritti umani sono orribili e le organizzazioni internazionali hanno scritto all’Arabia Saudita, sottolineando che tali azioni sono una violazione delle leggi internazionali. Ma Riyadh è indifferente a questi avvertimenti. 

Il punto sorprendente è che l’Arabia Saudita ha tenuto la sede del Consiglio per i diritti umani delle Nazioni Unite mentre massacrava gli yemeniti, uccideva il critico saudita Jamal Khashoggi e ne smembrava il corpo con una sega e giustiziava in massa gli oppositori. 

L’obiettivo di Bin Salman dietro l’esecuzione di adolescenti sciiti      

Bin Salman, che ha dimostrato di non ascoltare nessuna voce dissenziente mentre persegue le sue ambizioni di potere, ha commesso molti crimini mentre era in carica come principe ereditario. L’uccisione di decine di migliaia di donne e bambini yemeniti e l’esecuzione di centinaia di leader sciiti sono tra i crimini più gravi. 

Tenendo presente che la guerra in Ucraina e la crisi energetica hanno accresciuto il bisogno di energia saudita da parte dell’Occidente che continua a chiudere entrambi gli occhi riguardo alle condizioni dei diritti nel Paese, bin Salman ha colto l’occasione per regolare i conti con i dissidenti. 

Inoltre, per dimostrare che non ha paura delle tensioni con l’amministrazione Biden e delle minacce del Congresso, una figura dispotica come il principe Mohammed abbraccia una politica di repressione per dire alla società che le esecuzioni sono una questione saudita e l’Occidente non può interferire in essa. 

Caccia agli oppositori

La notizia delle esecuzioni di massa ha fatto seguito alle notizie sull’acquisto di partecipazioni da parte dell’Arabia Saudita su Twitter dopo che Elon Musk ha rilevato la piattaforma di social media, causando preoccupazioni al Congresso. Il senatore Chris Murphy, del Connecticut, ha chiesto un’indagine sul caso. Molti critici sostengono che il regno ora può facilmente identificare gli attivisti dell’opposizione online. 

Un altro problema è che giustiziando gli adolescenti sciiti, bin Salman intende bloccare le prospettive di qualsiasi azione provocatoria da parte della gente di Qatif, la maggior parte dei quali sono sciiti, e dire loro che qualsiasi azione riceverà una forte risposta. Provocando terrore, Bin Salman intende inviare un messaggio ai principi ribelli e ai suoi oppositori interni che se intendono ribellarsi contro di lui, la sua lama è abbastanza affilata da tagliare loro la testa. 

Sotto il re Salman e suo figlio, la tendenza alle esecuzioni illegali di bambini si è ampliata e, secondo i dati, oltre 10 bambini sono stati giustiziati mentre non ci sono informazioni sui loro procedimenti e sul processo e la maggior parte di loro è stata perseguitata senza accuse. Questo ciclo disumano, secondo molti, continuerà finché i wahhabiti saranno al potere in Arabia Saudita. Le condizioni internazionali, allo stesso tempo, hanno spianato la strada ad Al Saud per commettere i propri crimini pubblicamente.

 

 

 

ilfarosulmondo.it

Nome:
Email:
* Commento:
captcha