IQNA

Cina, un milione di musulmani Uighuri detenuti in campi segreti

4:51 - August 16, 2018
Notizie ID: 3483176
Iqna - Si stima che più di un milione di musulmani Uighuri siano detenuti in “centri anti-estremismo” nell’estremo ovest della Cina, ha dichiarato Gay McDougall, vicepresidente del comitato anti-discriminazione delle Nazioni Unite

Si stima che più di un milione di musulmani Uighuri siano detenuti in “centri anti-estremismo” nell’estremo ovest della Cina, ha dichiarato Gay McDougall, vicepresidente del comitato anti-discriminazione delle Nazioni Unite, citando rapporti attendibili. Gay McDougall ha fatto questi commenti venerdì a Ginevra, mentre il Comitato delle Nazioni Unite per l’eliminazione della discriminazione razziale ha iniziato a rivedere l’operato della Cina negli ultimi anni.

I membri erano “profondamente preoccupati” per le detenute segnalate di etnia Uighura e altre minoranze musulmane, che hanno “trasformato la regione autonoma Uighura dello Xinjiang in qualcosa che assomiglia a un enorme campo di internamento avvolto nella segretezza – una sorta di “zona senza diritti”, ha dichiarato McDougall all’inizio dell’udienza di due giorni. Altri due milioni sono stati costretti nei cosiddetti campi di rieducazione all’indottrinamento politico e culturale.

La Cina sostiene che nello Xinjiang c’è una seria minaccia da parte di ribelli e separatisti che complottano gli attacchi e scatenano tensioni tra la minoranza Uighuri per lo più musulmana, che chiama la regione e la maggioranza cinese etnica Han.

Venerdì scorso, Yu Jianhua, ambasciatore cinese presso l’Onu a Ginevra, ha annunciato che sta lavorando per l’uguaglianza e la solidarietà tra tutti i gruppi etnici. Il leader della delegazione cinese ha anche sottolineato il progresso economico e l’aumento degli standard di vita, tra le altre cose. Nelle sue osservazioni, McDougall ha sottolineato che la maggior parte di queste persone non è mai stata correttamente accusata di un crimine o processata in tribunale.

Mentre McDougall non citava le sue fonti, il numero di persone costrette alla detenzione e alla rieducazione corrispondeva a un rapporto che la Rete dei difensori dei diritti umani cinesi presentava al comitato. Altri gruppi hanno dato cifre molto più basse.

Human Rights Watch ha riferito che ci sono “almeno decine di migliaia” nei centri di educazione politica. Amnesty International ha scritto che “almeno una decina di migliaia, con alcune fonti che affermano che centinaia di migliaia” di Uighuri sono stati arrestati e internati.

McDougall ha affermato che membri della comunità Uighura e altri musulmani vengono trattati come “nemici dello Stato” esclusivamente sulla base della loro identità etno-religiosa. Più di cento studenti Uighuri ritornati in Cina da Paesi come l’Egitto e la Turchia sono stati detenuti e alcuni sono morti durante la custodia.

Il funzionario Onu ha anche citato dei rapporti che suggeriscono che le autorità cinesi perseguitano le persone per aver usato saluti musulmani, possedere cibo halal o per aver barbe o velo lunghi. Inoltre, ha sottolineato i rapporti di sorveglianza di massa e l’ampia collezione di campioni di Dna e scansioni dell’iride nello Xinjiang.

Fatima-Binta Dah, membro del panel, ha fatto riferimento alla “detenzione arbitraria e di massa di quasi un milione di Uighuri”, chiedendo alla delegazione cinese “qual è il livello di libertà religiosa ora disponibile per gli Uighuri in Cina, quale protezione legale esiste per loro la loro religione?”

 

ilfarosulmondo.it

Nome:
Email:
* Commento:
captcha