IQNA

23:53 - December 21, 2019
Notizie ID: 3484613
La Corte suprema dell'India ha respinto un appello mercoledì per fermare l'attuazione di una nuova legge sulla cittadinanza basata sulla religione che ha scatenato violente proteste nel paese, ma ha detto che il mese prossimo si terranno audizioni sulla misura radicale

Il Citizenship Emendamento Act (CAA) rende più facile per i non musulmani dei paesi vicini dell'Afghanistan, del Bangladesh e del Pakistan che si stabilirono in India prima del 2015 ottenere la cittadinanza indiana.

Migliaia di persone hanno protestato, dicendo che la legge è anti-musulmana e l'ultima di una serie di misure del governo nazionalista indù del Primo Ministro Narendra Modi per emarginare la comunità.

"Vogliamo un ordine di soggiorno nel caso della CAA", ha affermato Kapil Sibal, un avvocato per i firmatari che ha contestato la legge in tribunale, aggiungendo che era in conflitto con parti della costituzione indiana che garantisce l'uguaglianza a tutti, ha riferito Reuters.

Il giudice supremo della Corte suprema S.A. Bobde ha respinto le richieste di sospensione dell'attuazione della legge, entrata in vigore la scorsa settimana. Il tribunale ascolterà tuttavia le petizioni che contestano la validità costituzionale della legge il 22 gennaio.

Il governo di Modi afferma che la legge intendeva affrontare la persecuzione di minoranze come indù, sikh e cristiani nei paesi a maggioranza musulmana del Pakistan, dell'Afghanistan e del Bangladesh.

Quei gruppi, molti dei quali languiscono in India da anni senza diritti, ora avranno un percorso automatico verso la nazionalità indiana se provenissero da questi tre paesi prima del 2015.

Ma i manifestanti affermano che l'esclusione dei musulmani mostra un radicale pregiudizio nei confronti della comunità, che costituisce il 14 percento della popolazione indiana, la terza più grande popolazione musulmana al mondo.

La nuova misura segue la revoca dello status speciale della regione del Kashmir a maggioranza musulmana e una sentenza del tribunale che apre la strada alla costruzione di un tempio indù sul sito di una moschea rasa al suolo dagli zeloti indù.

Nome:
Email:
* Commento:
* captcha: