IQNA

13:29 - January 08, 2020
Notizie ID: 3484675
IQNA - Giornata dedicata alla rivolta storica del popolo di Qom. Leader Spirituale l'Ayatollah Seyed Ali Kamenei svolge un discorso nella città santa iraniana.

Mercoledì mattina (ora locale),Corpo delle guardie della rivoluzione islamica (IRGC) dell'Iran ha attaccato la base aerea di Ain Al-Asad tramite un attacco missilistico, la base nella provincia irachena occidentale di Al-Anbar e utilizzata dalle truppe statunitensi dall'invasione dell'Iraq nel 2003 e un'altra base a Erbil, nella regione irachena del Kurdistan.

L'attacco è una rappresaglia per l'omicidio di Washington del comandante della Forza Qods della IRGC (Islamic Revolutionary Guard Corps), il tenente generale Qasem Soleimani. Alto esponente militare iraniano ha avvertito in una dichiarazione a Washington che potrebbe ricevere una risposta anche "più massiccia" , in caso di nuova aggressione.

L'Ayatollah Khamenei, dedica il suo ultimo discorso ai recenti attacchi da parte delle forze iraniane contre le basi USA. Ha tenuto un discorso In occasione della commemorazione della rivolta storica del popolo di Qom (a sud di Teheran, capitale) il 9 gennaio 1978 (19 Dey 1356 del calendario persiano) contro il regime monarchico di Pahlavi.

Secondo il Leader Spirituale, questa rivolta ha portato alla rivoluzione islamica del 1979, un evento che ha cambiato la storia dell'Iran.

Durante i 40 anni trascorsi dalla Rivoluzione islamica, il popolo iraniano ha raggiunto numerosi risultati e sviluppi.

Nel suo discorso, l'Ayatollah Khamenei ha descritto il tenente generale Soleimani come un comandante "coraggioso e prudente" sia in campo militare che politico.

Il leader ha anche sottolineato il ruolo cruciale di Soleimani nella lotta contro il flagello del terrorismo nell'Asia occidentale e il suo ruolo rilevante nella neutralizzazione delle cospirazioni statunitensi nella regione, in particolare in Iraq, Siria e Libano.

Riferendosi alle cerimonie funebri di massa per il tenente generale Soleimani, il leader ha sottolineato che ciò dimostra che la rivoluzione islamica è ancora viva in tutto il paese persiano. Ha anche descritto gli americani come "bugiardi" nel definire il comandante iraniano come un terrorista.

Allo stesso tempo, si è riferito al recentissimo attacco di rappresaglia contro le basi statunitensi, in Iraq. Ha sottolineato che "questo è stato solo uno schiaffo" a Washington, che per anni ha portato solo guerre, crisi e conflitti nella regione.

I governi e i popoli della regione non accettano la presenza degli Stati Uniti, denuncia inoltre che l'Occidente intende mistificare le realtà.

Gli Stati Uniti, il regime israeliano e il sistema di arroganza mondiale sono considerati i nemici finali della Repubblica islamica, ha sottolineato.

In un altro momento del suo discorso, ha ricordato le rivolte che hanno avuto luogo lo scorso novembre nel paese dopo l'aumento del prezzo del carburante, chiamandole trame di nemici per tentare di cambiare il sistema della Repubblica.

Ha anche elogiato sia la risoluzione approvata martedì dal parlamento iraniano che considera il Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti (il Pentagono) un'entità "terrorista", sia la risoluzione del parlamento iracheno sull'espulsione delle forze straniere dal paese arabo .

Nome:
Email:
* Commento:
* captcha: