IQNA

14:32 - May 06, 2021
Notizie ID: 3486204
Iqna - Più di venti giorni del mese sacro del Ramadan sono passati come un batter d’occhio. Abbiamo iniziato la purificazione interiore o ci ha sopraffatto l’abitudine a procrastinare?
Ramadan: i peccatori sono benvenuti
 
Più di venti giorni del mese sacro del Ramadan sono passati come un batter d’occhio. Abbiamo iniziato la purificazione interiore o ci ha sopraffatto l’abitudine a procrastinare?
 
Sono rimasti dieci giorni per abbracciare – o essere abbracciati – dalla misericordia delle notti di Qadr. Abbiamo meditato sulla trasformazione, il cambiamento e la liberazione? O la disperazione ci ha soverchiati e non abbiamo speranza di rivolgerci al Perdonatore?
 
Alcune Tradizioni servono come scintille che penetrano così in profondità nel cuore che scuotono l’essere umano e lo trasformano completamente.
 
Forse la seguente Tradizione sacra (hadith qudsi) può servire come scintilla e illuminare il nostro essere per sempre: una volta il Profeta Mosè (AS) invocò il suo Signore sul Monte Sinai: “O Dio dei mondi” e Dio rispose” Labbayk” (Sono qui).
 
Mosè proseguì e invocò: “O Dio degli obbedienti!” e Dio rispose: “Labbayk (Sono qui)”.
 
Poi Mosè disse: “O Dio dei peccatori!” e l’Altissimo allora disse “Labbayk, Labbayk, Labbayk!
 
Allora Mosè chiese all’Altissimo: “O Dio, quale è la saggezza che si cela dietro il rispondermi una sola volta quando Ti ho chiamato con i migliori dei Tuoi nomi e di rispondermi tre volte quando Ti ho chiamato “Dio dei peccatori”?
 
Dio rispose: “O Mosè, sicuramente i sapienti si affidano alla loro conoscenza, i virtuosi alle loro virtù e gli obbedienti alla loro obbedienza, ma i peccatori non hanno nessuno ad eccezione di Me. Quindi, se perdono speranza in Me, presso chi possono trovare rifugio?”

di Shaykh M. Khalfan
 
 
 
 
 
 
islamshia.org
Nome:
Email:
* Commento:
* captcha: