IQNA

8:24 - June 09, 2021
Notizie ID: 3486295
Iqna - Lunedì, l’autorità di occupazione israeliana (IOA) ha sfollato una famiglia di Gerusalemme dopo averla costretta a demolire la propria casa a Jabel Mukaber, a sud-est di Gerusalemme, con il pretesto della costruzione non autorizzata
Pulizia etnica a Gerusalemme: l’IOA disloca famiglia gerosolimitana a Jabel Mukaber

Lunedì, l’autorità di occupazione israeliana (IOA) ha sfollato una famiglia di Gerusalemme dopo averla costretta a demolire la propria casa a Jabel Mukaber, a sud-est di Gerusalemme, con il pretesto della costruzione non autorizzata.

Secondo fonti locali, la municipalità israeliana ha costretto Muhanad Bashir ad abbattere la casa in cui viveva con la moglie e i tre figli.

A Bashir sono stati lasciati alcuni giorni per eseguire l’ordine, per evitare di pagare multe e spese di demolizione se la sua squadra municipale di occupazione avesse eseguito la misura.

La maggior parte dei cittadini di Gerusalemme ha dovuto conformarsi a tali ordini israeliani per evitare di pagare somme esorbitanti all’IOA.

I gerosolimitani non hanno altra scelta che costruire senza licenza perché non ci sono mappe strutturali che rispondano al naturale aumento demografico, e per questo motivo vengono negati i permessi di costruzione.

L’IOA impone restrizioni edilizie ai nativi palestinesi di Gerusalemme e rende loro difficile ottenere le licenze di costruzione.

Si ritiene che la sistematica demolizione israeliana delle case palestinesi nella Gerusalemme occupata abbia lo scopo di distruggere psicologicamente le famiglie gerosolimitane nel tentativo di costringerle a lasciare la città santa.

 

 

Agenzia stampa Infopal - www.infopal.it"

Nome:
Email:
* Commento:
* captcha: