IQNA

19:12 - May 05, 2022
Notizie ID: 3487549
Iqna - Le forze armate yemenite e i Comitati popolari nello Yemen possono testimoniare di aver catturato mercenari americani, australiani, sudanesi, colombiani, eritrei e persino yemeniti, che lavorano per gli interessi del Golfo e degli Stati Uniti nello Yemen. Alcuni sono stati reclutati per ignoranza e povertà, altri sono stati reclutati per coercizione e inganno e molti per ingenti somme di denaro

Mercenari in Yemen: nazionalità, numeri e orrori

 

mercenari operano al di fuori dell’ambito del comando militare diretto. Possono uccidere, mutilare e commettere altri crimini di guerra senza alcuna indagine da parte di un ente governativo legittimo. 

Oggi, con solo pochi documenti d’identità e quasi nessuna regolamentazione governativa, puoi impugnare armi all’avanguardia ed essere inviato in una guerra che non è la tua guerra, non la tua battaglia, e uccidere persone idi cui sconosci l’identità. L’offerta commerciale? Ricevi circa 10mila dollari a settimana. Sono 40mila dollari al mese. È più di 30 volte il salario minimo americano per un lavoro onesto. 

Parliamo della parola “mercenari”. Nel mondo burocratico molto lontano delle operazioni segrete in cui i termini taglienti vengono smussati (ricordando l’uso da parte del comico George Carlin del disturbo da stress post-traumatico come eufemismo per shock da granate!), “mercenari” è una parola tabù. Invece, sono chiamate forze speciali per allontanare le persone dalla natura clandestina del reclutamento di soldati stranieri. Un antico “lavoro” che gli Stati Uniti hanno rianimato con la Guerra al Terrore di Bush e hanno continuato l’avventura negli Emirati Arabi Uniti e nella guerra saudita allo Yemen, e ora in Ucraina.

Gli Emirati Arabi Uniti, con una popolazione di solo un milione di abitanti e nove milioni di espatriati, il principe Mohammed bin Zayed Al Nahyan non vuole rischiare tutto per una popolazione benestante che riesce a malapena a gestire una casa senza cameriere. Gli Emirati Arabi Uniti sono in gran parte gestiti da stranieri piuttosto che da gente del posto. Quindi, come avrebbero combattuto gli Emirati Arabi Uniti questa guerra in Yemen? Un esercito operato da stranieri, vale a dire luogotenenti, colonnelli e alleati statunitensi.

Ma perché mercenari? 

Uno dei motivi sono i numeri. Non c’era modo che MBZ avrebbe mandato in guerra soldati della sua popolazione locale. Una popolazione straniera, tuttavia, è conveniente, potrebbe essere acquistata in abbondanza e garantirà di prolungare la guerra, soprattutto se sul terreno sono presenti i principali terroristi come l’Isis.

Un altro motivo è la responsabilità. Perché i mercenari operano al di fuori dell’ambito del comando militare diretto – o, almeno questo è quello che sappiamo – Abu Dhabi beneficia di zero responsabilità. I mercenari possono uccidere, mutilare e commettere altri crimini di guerra senza alcuna indagine da parte di un ente governativo legittimo. Vengono comprati e venduti come merce.

Un terzo motivo sarebbe, come disse una volta un ex Navy SEAL – Erik Prince –: non si può contare sui soldati musulmani per uccidere i compagni musulmani. L’invio di soldati musulmani, emiratini o sauditi, per uccidere gli yemeniti comporterà un conflitto di interessi.

Le forze armate yemenite e i Comitati popolari nello Yemen possono testimoniare di aver catturato mercenari americani, australiani, sudanesi, colombiani, eritrei e persino yemeniti, che lavorano per gli interessi del Golfo e degli Stati Uniti nello Yemen. Alcuni sono stati reclutati per ignoranza e povertà, altri sono stati reclutati per coercizione e inganno e molti per ingenti somme di denaro.

Kingfish

Erik Prince è un ex Navy SEAL degli Stati Uniti che era dietro la rinascita dell’industria della sicurezza privata. Si fa chiamare anche “Kingfish”. Notoriamente noto per Blackwater e il suo coinvolgimento nella guerra in Iraq, ha fondato un’altra compagnia militare privata chiamata Reflex Responses – o R2 – dopo aver venduto Blackwater agli investitori come via di fuga dalle controversie. Gli Emirati Arabi Uniti hanno segretamente assunto entrambe le società, Blackwater e R2, per andare in Yemen.

Blackwater, che ha massacrato decine di iracheni ed è disprezzata in Iraq più degli stessi soldati statunitensi, è orgogliosa di assumere colombiani e altro personale militare latinoamericano. Ma perché l’esercito privato di MBZ, un progetto originariamente lanciato da Blackwater, era composto principalmente da colombiani?

Come ha affermato il professore di strategia alla National Defense University, Sean McFate, pensa all’industria militare privata come all’industria delle magliette. In America costa 20 dollari, ma in Bangladesh costa un dollaro.

Più economici e violenti

I mercenari colombiani non sono solo economici, ma sono anche addestrati da Washington e sono più violenti e rigorosi di altri dato che sono temprati dalla guerriglia in America Latina. Gli Emirati Arabi Uniti hanno assunto 1.800 colombiani sul campo e quadruplicato i loro stipendi.

“Quando li porti fuori dall’America Latina e li metti in Medio Oriente, non hanno alcun tipo di affiliazione politica con nessuna azione o Paese mediorientale, quindi sono solo veramente fedeli al loro “padrone”. Quando gli Emirati entrarono in guerra con l’Arabia Saudita nello Yemen, fu allora che gli Emirati dispiegarono questi mercenari nello Yemen”.

Sotto le spoglie di operai edili, i mercenari colombiani sono entrati a far parte di un esercito mercenario americano, guidato da Erik Prince, che ha ottenuto un budget di 529 milioni di dollari dagli Emirati Arabi Uniti per creare un mostro. “Questa è per me una parte piuttosto folle dell’evoluzione del modello di business mercenario che è stato preso da Erik Prince sviluppandolo negli Stati Uniti e poi esportandolo ad Abu Dhabi – poi, all’improvviso, ci sono colombiani che muoiono nello Yemen. È difficile da rintracciare”, ha dichiarato McFate.

Spear: un’azienda con sede nel Delaware con un tocco israeliano

“Dammi il tuo testimone e lo batterò. Chiunque”, ha affermato Abraham Golan, il proprietario israelo-ungherese dello Spear Operations Group che ha operato anche in Yemen per commettere omicidi mirati. Golan è riuscito a convincere il consulente per la sicurezza di MBZ che assumere la sua compagnia di sicurezza sarebbe stato più efficace del suo stesso esercito.

Il 29 dicembre 2015, un gruppo di mercenari dell’azienda militare con sede nel Delaware ha piazzato una bomba nella sede del partito politico Islah ad Aden, Yemen. Scortato da veicoli militari degli Emirati Arabi Uniti davanti e dietro, uno dei mercenari di Golan, Isaac Gilmore (anche lui ex Navy SEAL e veterano della Delta Force), salta dal veicolo, spara proiettili contro i civili intorno all’isolato, mentre il suo compagno si precipita a piazzare l’esplosivo dispositivo appena sotto l’edificio. Con un soldato degli Emirati al volante, il SUV si spegne non appena l’atto è compiuto.

Il gruppo che Golan e Gilmore misero insieme era un esercito di 12 uomini, composto principalmente da ex ufficiali della legione francese ed ex soldati statunitensi. Agli ufficiali francesi veniva pagata la metà di quanto Golan intendeva pagare – circa 10mila dollari al mese – che era anche meno della metà delle loro controparti americane, a testimonianza della mercificazione del personale militare e del valore “di mercato”.

Campi di mercenari nella Palestina occupata

Il complotto per uccidere Anssaf Ali Mayo, un leader del partito conservatore Islah nello Yemen, è stato pianificato in una base militare degli Emirati Arabi Uniti con il consigliere per la sicurezza di MBZ ed ex membro di Fatah, Mohammed Dahlan.

Dahlan è caduto in disgrazia quando è stato accusato di collaborare con la Cia e Israele – ed è esattamente quello che ha fatto mentre sedeva con Gilmore e Golan. Il consulente per la sicurezza MBZ ha le mani in un sacco di pasticci politici.

Un rapporto di Al-Khaleej Online nel 2018 espone la complicità di Dahlan nel tenere campi di addestramento segreti nella Palestina occupata. I campi di addestramento segreti, che ospitavano centinaia di mercenari nepalesi e colombiani, erano situati nel deserto del Naqab, nella Palestina occupata, dove la natura geologica della regione sembra sinonimo di quella dello Yemen. Dahlan ha supervisionato personalmente la formazione e ha effettuato visite e controlli regolari.

“Mohammed Dahlan ha visitato questi campi in più di un’occasione per essere informato”, hanno rivelato fonti ad Al-Khaleej Online. Dahlan è stato informato sullo stato di avanzamento dei preparativi, oltre all’addestramento dei mercenari. E a proposito, l’operazione Aden è fallita.

Il prezzo del servizio di Washington? Il sangue dei giovani sudanesi

C’erano due modi attraverso i quali i giovani sudanesi, anche i minori di 18 anni, venivano reclutati nello Yemen. Con la forza e l’inganno, e con la sete di potere di Omar Al Bashir. Stime e rapporti suggeriscono che fino a 15mila mercenari sudanesi hanno combattuto nello Yemen. Con la forza e l’inganno: molti sudanesi sono diventati vittime della coscrizione forzata per diventare mercenari per un’azienda privata statunitense, Black Shield Security Services.

Rispondendo a posti di lavoro online come “guardie di sicurezza”, la società con sede negli Emirati Arabi Uniti indurrebbe i candidati a firmare il contratto, solo con sorpresa dei giovani che, all’improvviso, vengono reindirizzati in un campo di addestramento militare negli Emirati Arabi Uniti per essere spediti in Libia o Yemen. Sono state offerte loro “ingenti” somme di denaro, più di quanto possano mai ottenere in un lavoro medio nel loro Paese.

I contratti firmati da giovani sudanesi, a cui era allegato un visto elettronico per entrare negli Emirati Arabi Uniti da Khartoum, avevano scritto “professione: guardia di sicurezza”. Secondo quanto riferito, fino a 15mila mercenari sudanesi sarebbero stati dispiegati in Yemen, che, secondo l’attuale primo ministro sudanese Abdallah Hamdok, sarebbero stati ridotti a 5mila. Molti di loro erano bambini.

Mercenari dal Sudan

Omar Al Bashir, il vecchio sovrano del Sudan, il cui trono è stato strangolato da sanzioni e pressioni internazionali, ha venduto la sua alleanza pro-Iran per un aiuto finanziario dal Golfo, il che significava mandare migliaia di uomini e bambini sudanesi a uccidere nello Yemen.

Per portare a termine il reclutamento, una società privata – le Rapid Support Forces – o i Janjaweed, una milizia irriducibile a sostegno dei Bashir, hanno ottenuto risultati importanti con funzionari sauditi ed emiratini. Entrambi i gruppi affrontano accuse di stupro sistematico, omicidio indiscriminato e altri crimini di guerra derivanti dalla guerra del Darfur in cui sono state uccise 300mila persone.

Arrivati ​​a migliaia dal Sudan all’Arabia Saudita, i mercenari sudanesi hanno ricevuto armi e uniformi prodotte negli Stati Uniti. Quindi furono portati ad Al-Hudaydah, Taiz e Aden. Pagati in riyal sauditi, i ragazzini di 14 anni venivano pagati circa 480 dollari al mese, mentre gli ufficiali esperti dei Janjaweed venivano pagati 530 dollari al mese, entrambi in meno rispetto a qualsiasi altro mercenario, compresi i colombiani. La RSF ha tratto un profitto di 350 milioni di dollari dal suo ruolo nello Yemen.

Oltre al Sudan, anche gli Emirati Arabi Uniti e l’Arabia Saudita hanno pagato l’Eritrea per fornire truppe e assistenza. Nel 2015, il Gruppo di monitoraggio delle Nazioni Unite sulla Somalia e l’Eritrea ha rivelato che Riyadh e Abu Dhabi hanno firmato un accordo con l’Eritrea che ha consentito alla coalizione di utilizzare le basi militari eritree per attaccare lo Yemen. Anche il Ciad non è escluso dall’equazione: i mercenari della RSF includono centinaia di uomini ciadiani, il cui allineamento è con Bashir, mantenendo così l’interesse a mantenerlo al potere.

Ci sono anche circa mille mercenari pakistani che combattono nello Yemen, nonostante una maggioranza di voti contrari nel parlamento di Islamabad.

Yemeniti che combattono gli yemeniti

Poiché la povertà, la guerra e l’incertezza hanno portato milioni di yemeniti ad un’angoscia prolungata, molti hanno pensato di voltare le spalle ai loro simili. Per circa 1.200 dollari al mese, gli yemeniti sono stati costretti a unirsi alla brigata Al-Fateh, una milizia mercenaria con sede a Najran, in Arabia Saudita, che è stata costituita nel 2016. La brigata è un hub mercenario tutto yemenita.

In un rapporto del Middle East Eye, un mercenario di nome Anees racconta che alcune migliaia di yemeniti furono costretti ad avanzare verso la valle di Jabara nella provincia di Saada, Yemen, sapendo che la valle è sotto il controllo delle forze armate yemenite, e che erano posizionate proprio dietro di loro a Najran. I leader di Al-Fateh hanno costretto i mercenari ad andare avanti, assicurando che i combattenti salafiti li avrebbero seguiti e protetti.

Racconta: “Improvvisamente, gli Houthi iniziarono ad attaccarci dalle montagne. Abbiamo cercato di ritirarci ma non c’erano combattenti salafiti a sostenerci e gli Houthi ci assediavano da tutte le direzioni. Stavamo per morire di fame. Avevamo finito il cibo. I sauditi e i salafiti non ci hanno aiutato, quindi abbiamo combattuto e ci siamo spinti verso Najran e solo in pochi sono riusciti a scappare, incluso me.

Bundeswehr

L’anno scorso, ex soldati e agenti di polizia tedeschi hanno accettato un’offerta dell’Arabia Saudita di formare un gruppo di mercenari – o, secondo i pubblici ministeri tedeschi, un’organizzazione terroristica – da inviare nello Yemen.

Due soldati della Bundeswehr sono stati accusati di terrorismo dai pubblici ministeri per aver cospirato per reclutare 150 uomini ed ex soldati delle forze armate della Bundeswehr. I mercenari dovevano essere pagati 46.400 dollari al mese per condurre operazioni nella penisola arabica.

L’obiettivo della forza mercenaria da formare era catturare la terra detenuta dalle forze armate yemenite e non solo. La forza mercenaria doveva anche essere inviata in altri conflitti in tutto il mondo, con la piena consapevolezza di dover commettere omicidi e uccidere civili per raggiungere obiettivi strategici.

Il futuro

Se gli eserciti saudita ed emiratino dovessero combattere, la guerra non sarebbe durata a lungo con una popolazione di 30 milioni disposta a resistere a piedi nudi. I mercenari hanno svolto un ruolo significativo nella guerra contro lo Yemen sostenendo la violenza sul campo, commettendo continue stragi e crimini contro i civili.

L’efficacia degli eserciti statali sta diminuendo, mentre le aziende private hanno dimostrato di svolgere più compiti, per quanto sanguinosi e criminali. Poiché le società oscurano l’autorità governativa, i signori della guerra e gli investitori saranno più propensi a mantenere le “imprese di sicurezza” nelle cosiddette “zone di conflitto in Medio Oriente”, dove il flusso di armi e il finanziamento provengono dalle “democrazie neoliberiste occidentali”.

Sebbene l’uso di mercenari sia stato disonorevole negli ultimi tempi, l’Occidente ne ha promosso l’uso. Poiché i combattenti stranieri vengono utilizzati per compiere omicidi mirati e altre forme di omicidio, gli Stati e gli organi governativi si assumono sempre meno responsabilità per il disastro umanitario che deriva dal reclutamento.

Una Convenzione sui mercenari delle Nazioni Unite nel 2001 vieta il reclutamento di mercenari in conflitto: solo 36 Paesi hanno sostenuto la convenzione. Alcuni dei Paesi che non l’hanno ratificato sono Stati Uniti, Regno Unito, Cina, Francia, India, Giappone e Russia.

 

 

 

ilfarosulmondo.it

Nome:
Email:
* Commento:
* captcha: