IQNA

Bangladesh: rifugiati Rohingya chiedono rimpratrio in Myanmar

23:55 - June 21, 2022
Notizie ID: 3487719
Tehran-Iqna- Una manifestazione è stata organizzata domenica da decine di migliaia di rifugiati Rohingya in Bangladesh

Bangladesh: rifugiati Rohingya chiedono rimpratrio in Myanmar

 

Una manifestazione è stata organizzata domenica da decine di migliaia di rifugiati Rohingya in Bangladesh.

Hanno chiesto il rimpatrio in Myanmar, dove sono fuggiti da una brutale repressione militare cinque anni fa.

Quasi un milione di Rohingya sono confinati in baracche di bambù e teloni in 34 squallidi campi nel sud-est del Bangladesh, senza lavoro, scarse condizioni igieniche e scarso accesso all'istruzione.

Il loro paese ospitante, sempre più restrittivo, ha vietato loro di tenere manifestazioni da quando hanno organizzato una massiccia protesta di 100.000 persone nell'agosto 2019.

Ma le autorità hanno consentito a diversi gruppi di Rohingya di tenere simultanee marce e raduni "Go Home" prima della Giornata mondiale del rifugiato di lunedì.

"Non vogliamo restare nei campi. Essere rifugiati non è facile. È un inferno. Basta. Andiamo a casa", ha detto Sayed Ullah, leader della comunità Rohingya, in un discorso a una manifestazione.

Nel 2018, gli investigatori di una missione conoscitiva delle Nazioni Unite sulle uccisioni e sull'esodo di massa forzato dei musulmani Rohingya in Myanmar hanno concluso che un'indagine penale e un procedimento giudiziario erano giustificati nei confronti dei massimi generali del Myanmar per crimini contro l'umanità e genocidio.

Le manifestazioni di domenica sono arrivate dopo che i segretari esteri del Bangladesh e del Myanmar la scorsa settimana hanno tenuto un incontro – il primo in quasi tre anni – in videoconferenza.

Un funzionario del ministero degli Esteri del Bangladesh ha detto all'AFP che durante l'incontro Dhaka ha fatto pressioni su Naypyidaw affinché il rimpatrio dei rifugiati Rohingya iniziasse quest'anno.

"Speriamo che il rimpatrio inizi dopo il monsone di quest'anno, almeno su scala limitata", ha detto in condizione di anonimato.

La polizia ha detto che migliaia di rifugiati, compresi bambini piccoli, si sono uniti alle marce e ai raduni, in piedi su strade e vicoli con cartelli che dicevano "Basta basta! Andiamo a casa".

"Più di 10.000 Rohingya hanno preso parte alla manifestazione nei campi sotto la mia giurisdizione", ha detto il funzionario di polizia Naimul Haque, riferendosi a Kutupalong, il più grande insediamento di profughi del mondo.

La polizia e gli organizzatori hanno detto che più di 1.000 Rohingya hanno preso parte a ciascuna delle manifestazioni in almeno 29 campi.

Le autorità hanno dispiegato una maggiore sicurezza nei campi per prevenire qualsiasi violenza, ha detto Haque, aggiungendo che le manifestazioni "si sono svolte pacificamente".

 

 

 

https://iqna.ir/en/news/3479371

Nome:
Email:
* Commento:
* :