IQNA

Israele al collasso economico

23:26 - June 22, 2024
Notizie ID: 3490453
Iqna - La guerra peserà pesantemente sull’economia israeliana, costringendola a pagare un conto salato, il più costoso nella storia delle guerre combattute dall’entità

Israele al collasso economico

 

La guerra contro l’Asse della Resistenza continua a infliggere a Israele ulteriori perdite economiche e danni catastrofici. Si prevede che il deficit di bilancio dell’entità raggiungerà circa otto miliardi di dollari nel 2024. Di conseguenza, la guerra peserà pesantemente sull’economia israeliana, costringendola a pagare un conto salato, il più costoso nella storia delle guerre combattute dall’entità. Un rapporto di Bloomberg, ha rivelato che le perdite dell’economia israeliana a seguito della guerra in corso a Gaza negli ultimi otto mesi ammontavano a circa 60 miliardi di shekel (16 miliardi di dollari).

Israele e perdite economiche

Riserve valutarie: le riserve valutarie dell’entità sono diminuite alla fine di aprile di circa 5,63 miliardi di dollari, raggiungendo i 208 miliardi. Anche le riserve sono diminuite di circa il 41% rispetto al prodotto interno lordo.

Il costo giornaliero della guerra: il costo giornaliero della guerra ha ormai raggiunto i 94 milioni di dollari. La guerra a Gaza è costata finora all’entità circa 250 miliardi di shekel, soprattutto in termini di munizioni, giorni di riserva e pagamenti agli sfollati.

Contrazione economica e debiti enormi: la crescita economica israeliana nell’anno in corso varia da una contrazione implicita a una contrazione effettiva. Il tasso di crescita economica in qualsiasi Paese del mondo è paragonato al tasso di riproduzione naturale del Paese, e in Israele è del 2% annuo, e forse un tasso leggermente inferiore rispetto ad esso, quindi ogni tasso di crescita è superiore allo zero%. Inferiore al tasso di riproduzione è considerata una contrazione implicita. La più grande banca israeliana, Hapoalim, prevede una contrazione economica effettiva dell’1%, mentre le stime della seconda banca israeliana in termini di dimensioni, Leumi, prevedono una crescita dell’1,5%, che è tuttavia una contrazione implicita.

Deficit di bilancio: è aumentato il deficit di bilancio generale, che alla fine di aprile ha raggiunto il 7% dell’entità del prodotto generale, ovvero 140 miliardi di shekel, che equivalgono a circa 38 miliardi di dollari. Si prevedeva un aumento del deficit a fine maggio ad una percentuale più alta di prima. Ecco cosa è successo: nel mese di maggio è salito al 7,2%, e quest’anno potrebbe raggiungere l’8%. Se la guerra continua fino alla fine del 2024 si prevede una contrazione fino all’1,5%.

Costo previsto: 56 miliardi è il costo previsto della guerra, comprese difesa e risarcimenti.

Settore edile: il settore edile ha registrato perdite settimanali per un valore di 644 milioni di dollari, oltre ad una carenza di manodopera in questo settore fino a 140mila lavoratori.

Reddito pro capite: il reddito degli israeliani è diminuito del 20%.

High-Tech: gli investimenti nel settore high-tech sono diminuiti di circa il 15%.

Calo significativo nel settore del turismo: il turismo nell’entità sta subendo forti colpi che preannunciano un calo significativo delle sue entrate, dopo una serie di cancellazioni che hanno colpito varie attività ed eventi turistici. Nel nord, il settore del turismo locale non è più una delle principali fonti di occupazione, poiché il settore è quasi morto, dato che né i turisti stranieri né i vacanzieri israeliani si recano nel nord.

Declino nel settore agricolo: le organizzazioni agricole affermano che circa 500 agricoltori hanno lasciato il nord dall’inizio della guerra. Gli incendi boschivi hanno distrutto frutteti, pascoli e vaste aree protette.

Declino del rating creditizio.

Peggioramento del costo della vita: Israele soffre di un’ondata di aumenti dei prezzi dei prodotti alimentari e di consumo.

Costo civile: il risarcimento per coloro che sono stati evacuati dalle loro case nel sud e nel nord, il pagamento del risarcimento alle famiglie dei morti e il risarcimento dei feriti, sia militari che civili.

Tassi di interesse elevati: la Banca Centrale d’Israele ha annunciato che il tasso di interesse bancario rimarrà al suo livello, 4,5%, oltre ad un tasso di interesse di base dell’1,5%, ovvero del 6%. Ciò rimarrà così fino al prossimo annuncio, l’8 luglio, e la possibilità di una riduzione è molto debole anche in quella data, a causa dell’elevato tasso di inflazione finanziaria (alta ondata di prezzi, costo della vita).

L’espansione del boicottaggio economico: boicottaggio dei marchi alimentari internazionali, dei marchi della moda, dei marchi ricreativi e divieto alle aziende israeliane di partecipare all’Esposizione Internazionale delle Armi Aero-Satori, che si tiene in Francia, che rappresenta un duro colpo a decine di grandi aziende che non potranno presentare i loro sviluppi alla fiera, alcuni dei quali sono prodotti della guerra a Gaza.

Israele obbligato a spendere più del limite stabilito: i dati finanziari mostrano che l’entità si è precedentemente impegnata a spendere un importo di circa 600 miliardi di shekel nel 2025, mentre il massimo a sua disposizione è di 545 miliardi di shekel.

Costo attuale della guerra a Gaza: il conto della guerra ha superato 60 miliardi di shekel (16 miliardi di dollari). I dati del Ministero delle Finanze israeliano mostrano che il deficit fiscale, in corso da 12 mesi, è salito al 7% del PIL a partire dallo scorso aprile. Anche la spesa militare è aumentata di circa il 36% nel 2024, con le spese per la difesa che rappresentano circa un terzo, mentre le entrate sono diminuite del 2,2% a causa della diminuzione dei pagamenti fiscali. La Banca Centrale israeliana ha stimato che il costo totale della guerra a Gaza dovrebbe raggiungere i 255 miliardi di shekel (68,4 miliardi di dollari) nel periodo tra il 2023 e il 2025.

Il valore della valuta israeliana è diminuito, poiché lo shekel ha registrato un calo dello 0,3% rispetto al dollaro.

Conclusione

Di conseguenza, Israele è sulla buona strada per registrare il più grande deficit nel suo bilancio, poiché nell’ultimo trimestre del 2023 l’economia israeliana si è contratta più del previsto a causa del danno alla spesa dei consumatori, alle esportazioni e agli investimenti che ne derivano della guerra, che ha portato ad un inasprimento degli oneri finanziari e ha provocato il primo declassamento del rating di credito dell’entità, che è sceso di un livello da 1 ad “A2”. Questo calo è stato accompagnato da un aumento degli indicatori di inflazione e un calo del valore dello shekel al livello più basso, che si rifletterà negativamente sulla vita di ogni israeliano e aprirà ampi divari tra l’economia dell’entità e le economie dell’Occidente, che si troveranno ad affrontare difficoltà sulla scena globale. Un futuro più difficile e più complesso si prospetta per il regime di Tel Aviv.

 

 

www.ilfarosulmondo.it

captcha