IQNA

9:13 - July 31, 2019
Notizie ID: 3484192
Nuova Delhi-Iqna- Un gruppo indù di estrema destra noto per le sue posizioni xenofobe ed islamofobe ha chiesto al governo indiano di mettere al bando il Corano

Un gruppo indù di estrema destra noto per le sue posizioni xenofobe ed islamofobe ha chiesto al governo indiano di mettere al bando il Corano, sostenendo che il Libro Sacro islamico incita alla violenza e costituisce una grave minaccia alla sicurezza nazionale.

Vishnu Gupta, presidente dell'Hindu Sena, ha scritto lunedì al Ministero degli Interni indiano, affermando che il Corano minaccia la sicurezza nazionale dell'India. Il fondatore del gruppo ha affermato di aver suggerito la mossa dopo aver letto il Libro Sacro dell'Islam.

"Ho trovato in esso (nel libro) molte contraddizioni e casi di violenza contro non musulmani ed ex musulmani, oltre al fatto che cerca di corrompere le persone con un paradiso immaginario", ha dichiarato Gupta nella sua lettera al Ministero degli Interni.

All'inizio di quest'anno il gruppo estremista aveva sollecitato il governo a vietare anche il velo islamico, portando come pretesto i soliti motivi di sicurezza.

L'organizzazione xenofoba ha ottenuto per la prima volta visibilità mediatica nel 2016 dopo aver festeggiato il compleanno del presidente degli Stati Uniti Donald Trump e pregato per la sua vittoria alle elezioni presidenziali statunitensi.

Fondato da Vishnu Gupta nel 2011, il gruppo Hindu Sena continua ad attirare l'attenzione del pubblico con atti insoliti, come rendere omaggio alla regina Vittoria nel suo 118 ° anniversario di morte, sostenendo che colonizzando l'India "ha liberato il paese dal governo islamico dei Moghul".

Nonostante sia a maggioranza indù, l'India, con circa 300 milioni di fedeli, è il paese con il maggior numero di musulmani al mondo.

 

http://iqna.ir/en

Nome:
Email:
* Commento:
* captcha: