IQNA

19:24 - March 20, 2020
Notizie ID: 3484876
Iqna - I dipendenti del Al-Rassoul Hospital hanno ascoltato la chiamata del segretario generale di Hezbollah, Sua Eminenza Sayyed Hassan Nasrallah, per mostrare solidarietà allo Stato libanese e fornire tutti i servizi necessari per superare l’epidemia

Al-Rassoul Hospital: al servizio dello Stato, sotto il comando di Nasrallah

 

Con grande determinazione e coraggio, il personale medico e infermieristico dell’Ospedale Al-Rassoul Al-Aazam di Beirut si sta preparando a combattere la pandemia di coronavirus che minaccia la società libanese. Sono la prima linea di difesa del Libano. I dipendenti del Al-Rassoul Hospital hanno ascoltato la chiamata del segretario generale di Hezbollah, Sua Eminenza Sayyed Hassan Nasrallah, per mostrare solidarietà allo Stato libanese e fornire tutti i servizi necessari per superare l’epidemia.

Il direttore generale dell’ospedale, il dott. Mohamad Bachir, ha riferito all’agenzia stampa Al-Ahed che il suo staff è abituato ad affrontare situazioni difficili. “Non sono sorpreso dal modo in cui i nostri medici, infermieri e altro personale hanno risposto alla chiamata per combattere il virus”, ha affermato il Dott. Bachir. “Sono stati testati nelle circostanze più difficili e sempre ci hanno resi orgogliosi e non hanno mai deluso. Ora sono sotto il comando del segretario generale di Hezbollah, pronti e in attesa”.

Il Dott. Bachir ha inviato un sincero saluto a tutto il personale medico e tecnico che lavora negli ospedali pubblici e statali e al ministero della Salute. “Li sosteniamo nella battaglia che stanno combattendo, e con tutto il nostro amore diciamo loro che siamo con te e pronti a fornire qualsiasi assistenza”.

Al-Rassoul Hospital, risposta all’attacco mediatico

Dall’inizio della pandemia in Libano ci sono stati molti attacchi mediatici deliberati al Al-Rassoul Hospital. I media con affiliazioni politiche note hanno costantemente formulato false accuse per ingannare il pubblico. “Quello che è successo è molto strano. In mezzo a questa pandemia globale, alcuni organi di informazione guidati da certi partiti politici in Libano hanno affermato che l’ospedale Al-Rassoul Al-Aazam stava ricevendo e nascondendo casi di coronavirus. L’abbiamo respinto queste false accuse perché distorcono la verità e fuorviano l’opinione pubblica”.

Secondo il dott. Bachir, “l’attacco mediatico non è stato diretto all’ospedale Al-Rassoul Al-Aazam di per sé, ma piuttosto a ciò che rappresenta politicamente e perché è un simbolo per la salute in Libano. Inoltre, la Repubblica Islamica dell’Iran, che ha avuto un ruolo nella istituzione dell’ospedale è stata bersaglio degli attacchi. Queste accuse cercavano di promuovere la narrazione che l’Iran è l’epicentro della pandemia e che Hezbollah sta aiutando in un modo o nell’altro nel diffonderla in Libano.

“L’attacco non è diretto all’ospedale, al suo personale, alle sue prestazioni e alle sue capacità, ma piuttosto al ruolo e alla presenza politica della Repubblica Islamica dell’Iran e, di conseguenza, al ruolo di Hezbollah nella società libanese”, ha aggiunto Bachir.

Al-Rassoul Hospital è un paradiso per tutti i pazienti di tutte le classi sociali

Al-Rassoul Hospital è un paradiso per tutti i pazienti di tutte le classi sociali e di tutte le regioni del Libano. Il dottor Bachir spiega ad Al-Ahed che “prima della crisi del coronavirus, il Libano stava – ed è tuttora – testimone di una pessima situazione economica. Gli ospedali del Libano stavano vivendo una condizione critica. Giorno dopo giorno, ci dirigevamo verso una realtà più tragica in termini di capacità degli ospedali di ricevere pazienti e acquistare le forniture mediche necessarie per fornire i servizi necessari. Durante quel periodo, la maggior parte degli ospedali in Libano ha dichiarato la propria incapacità di continuare e i loro servizi sono diminuiti alla luce delle difficili condizioni economiche, soprattutto dopo che il tasso di cambio del dollaro è aumentato”.

L’ospedale Al-Rassoul Al-Aazam non ha interrotto alcuno dei suoi servizi. Ha continuato a funzionare con la normale capacità e fornire tutti i servizi abituali. Inoltre, l’ospedale ha visto un notevole aumento del numero di pazienti in diversi reparti. Questo era dovuto alla difficile situazione economica e le persone vengono in ospedale perché sanno che il costo dei servizi è molto più basso che in altri luoghi.

Continueremo a servire la nostra gente

Al tempo del coronavirus, il Dr. Bachir assicura ad Al-Ahed che l’ospedale “ha continuato a ricevere i pazienti mentre prende tutte le precauzioni necessarie per proteggere prima i suoi pazienti e i suoi dipendenti, nonché tutti i visitatori dalla minaccia di questa epidemia”. Tuttavia, la situazione “potrebbe cambiare nei prossimi giorni alla luce degli sviluppi riguardanti il coronavirus e le misure adottate dal ministero della Salute in linea con la gravità della situazione. È normale che l’ospedale tenga il passo con gli sviluppi e ridurre i servizi a freddo, senza influire sui casi di emergenza”.

“Da quando il virus si è diffuso in Iran, abbiamo preso le precauzioni necessarie e aperto un passaggio speciale per le emergenze basato sulle linee guida dell’Organizzazione mondiale della sanità (Oms). Queste procedure si sono evolute nel tempo. Alla fine siamo arrivati al conclusione che ogni persona che vuole entrare in ospedale deve essere soggetta a una valutazione della salute per lo meno per monitorare se ha sintomi che il ministero della Salute ha classificato come quello del coronavirus”, ha detto il dott. Bachir. “Ciò è stato accompagnato da una significativa riduzione del numero di visitatori. C’era grande conformità e siamo riusciti a proteggere l’ospedale dopo aver affrontato alcuni casi sospetti. Nei prossimi giorni, possiamo rafforzare ulteriormente queste procedure. Stiamo anche cercando di annullare le visite e lavorare per ridurre i contatti tra le persone”.

Bachir ha sottolineato che “questo ospedale rimarrà aperto. Al momento potrebbe essere necessario ricevere casi di coronavirus. Questo dipende dalle istruzioni del ministero della Salute. Stiamo lavorando con il Saint George Hospital, una filiale dell’ospedale Al-Rassoul Al-Aazam. Esiste un piano comune e ci incontriamo quotidianamente per tenere il passo con gli sviluppi riguardanti il coronavirus”.

 

ilfarosulmondo.it

Nome:
Email:
* Commento: