IQNA

23:26 - April 20, 2020
Notizie ID: 3484978
Tehran-Iqna- Il ministro egiziano degli affari islamici ha licenziato il portavoce del ministero per le sue osservazioni sulla preghiera nelle moschee durante il mese di Ramadan

Il ministro egiziano degli affari islamici ha licenziato il portavoce del ministero per le sue osservazioni sulla preghiera nelle moschee durante il mese di Ramadan.

Mohamed Mokhtar Gomaa ha dichiarato che il portavoce, Ahmed al-Ghadhi, ha formulato osservazioni a nome del ministero che non erano in linea con la sua politica, secondo quanto riportato dall'Agenzia Anadolu.

Al-Ghadhi aveva dichiarato in un programma televisivo che il ministero degli affari islamici sta valutando l'idea di riaprire le moschee in tutto il paese per le preghiere di Taraweeh (preghiere serali speciali nel mese di Ramadan).

Gomaa ha detto che le preghiere di Taraweeh e altre preghiere congregazionali non si terranno nelle moschee.

Non è stata presa alcuna decisione in merito alla sospensione del divieto delle preghiere di massa, ha aggiunto.

L'Egitto ha introdotto il divieto il 21 marzo come parte degli sforzi per arginare la diffusione di COVID-19.

Domenica il numero di casi confermati in Egitto è stato di 3.144. Il bilancio delle vittime nel paese nordafricano è di 239.

 

 

https://iqna.ir/en

Nome:
Email:
* Commento:
* captcha: