IQNA

21:48 - July 20, 2020
Notizie ID: 3485277
Tehran-Iqna- L'ex giocatore di basket americano Ferdinand Lewis Alcindor Junior, noto ai più con il nome di Kareem Abdul-Jabbar e considerato come miglior capocannoniere di tutti i tempi dell'NBA, si è convertito all'Islam all'età di 24 anni

L'ex giocatore di basket americano Ferdinand Lewis Alcindor Junior, noto ai più con il nome di Kareem Abdul-Jabbar e considerato come miglior capocannoniere di tutti i tempi dell'NBA, si è convertito all'Islam all'età di 24 anni.

La stella dell'NBA ha di recente pubblicato un post in cui spiega il perché della sua conversione all'Islam: 

"Mio padre era un poliziotto con un insieme di regole, sono andato in una scuola cattolica con sacerdoti e suore con più regole e ho giocato a basket per allenatori che avevano ancora più regole. La ribellione non era un'opzione. L'idea principale del pubblico bianco sembrava essere che i neri non fossero molto buoni. O erano persone oppresse che avevano bisogno dell'aiuto dei bianchi per ottenere i diritti che li spettavano, oppure erano visti come piantagrane radicali che vogliono attaccare le case dei bianche o le loro ragazze. Per i bianchi, il 'nero buono' era un simpatico intrattenitore, sia nel mondo dello spettacolo che nello sport, che doveva mostrare la propria gratitudine verso i bianchi. Mi rendevo conto che questa realtà era in qualche modo sbagliata, che qualcosa doveva cambiare".

L'ex giocatore spiega quindi che si è interessato alla vita di Malcolm X, in particolare leggendo la sua biografia:

"Sono rimasto affascinato dalla storia di Malcolm. Su come si fosse reso conto di essere stato vittima di un razzismo istituzionale che lo aveva reso prigioniero molto prima che finisse in una vera prigione. Questo è esattamente quello che sentivo anch'io: imprigionato da un'immagine (creata dalla società) di chi avrei dovuto essere".

Fu allora che decise di dedicare il suo tempo allo studio dell'Islam. Proprio come fece Malcolm X, convertitosi anch'egli a questa religione. E non ci volle molto per il giovane Lewis ad abbandonare la religione battista ed abbracciare completamente l'Islam all'età di 24 anni. Per lui l'Islam è la religione della verità, quella che lo ha riconciliato con la sua identità e gli ha portato la pace.

Alcuni fan della NBA hanno preso la sua conversione per un tradimento. Neanche i suoi genitori erano contenti per la scelta. Su questo argomento, Kareem Abdul-Jabbar ha spiegato:

"La conversione è una scelta rischiosa perché può portare alla perdita di supporto da parte di familiari, amici e comunità".

Poco dopo il neo musulmano Kareem si recò alla Mecca per imparare la lingua araba, studiare il Corano e, naturalmente, fare il pellegrinaggio.

Alcuni suoi fan ancora lo chiamano il suo vecchio soprannome "Lew". A tal proposito l'ex giocatore ha scritto:

“Non capiscono che la loro mancanza di rispetto per la mia scelta spirituale è offensiva. È come se mi vedessero come una figura giocattolo, esistente solo per decorare il loro mondo, come lo ritengono opportuno, piuttosto che come un individuo con una propria vita".

Ancora oggi, a 73 anni, Abdul-Jabbar è considerato il miglior marcatore della NBA di tutti i tempi, con all'attivo 6 titoli vinti.

 

 

 

 

https://iqna.ir/fr

Nome:
Email:
* Commento:
* captcha: