IQNA

23:48 - October 23, 2021
Notizie ID: 3486803
Tehran-Iqna- La cerimonia di premiazione del Mustafa Prize 2021 si è tenuta presso la Vahdat Hall di Teheran dove cinque scienziati musulmani hanno ricevuto i premi della 4a edizione di questo prestigioso evento

Tehran: premiati i vincitori del Mustafa Prize 2021

 

La 4a edizione del Mustafa Prize è giunta a termine a Tehran con la cerimonia di premiazione dei cinque vincitori.

Secondo MSTF Media, Mahdi Saffarinia, CEO della "Fondazione Mustafa per la scienza e la tecnologia" (MSTF), ha aperto l'evento con un discorso, dando il benvenuto agli scienziati, agli accademici e al pubblico presente alla cerimonia di premiazione.

A seguire è intervenuto Sorena Sattari, vicepresidente per gli affari scientifici e tecnologici della Repubblica Islamica dell'Iran, che ha dichiarato nel suo discorso: “Sono molto lieto che questo premio internazionale stia creando una rete di scienziati dei paesi islamici impegnati nel risolvere i problemi nel campo della scienza e tecnologia. Spero che il Premio Mustafa (fornisca opportunità per più amicizia nel prossimo futuro. "

In seguito Hasan Zohour, capo del Comitato scientifico del Premio Mustafa ha tenuto un discorso sui dettagli dell'edizione 2021.

La cerimonia ha visto la premiazione di cinque rinomati scienziati e ricercatori selezionati dalla giuria del Mustafa Prize

Kamran Vafa e Zahid Hasan hanno condiviso il premio per le scienze di base.

Zahid Hasan, originario del Bangladesh e professore alla Princeton University, ha vinto il Premio Mustafa per il suo lavoro sui  semimetalli Weyl fermion.

"Questo è il risultato di 15 anni di ricerca", ha detto Hasan nel suo discorso alla cerimonia di premiazione.

Kamran Vafa, iraniano docente alla Harvard University, ha ricevuto il premio per le sue ricerche sulla F-Theory.

Yahya Tayalati, professore all'Università Mohammad V di Rabat in Marocco, ha vinto il Premio Mustafa per le sue "osservazioni sulla luce diffondendo la luce e trovando monopoli magnetici".

Il prof. Mohammad El. Sayegh, ricercatore e docente all'Università americana di Beirut, si è aggiudicato il premio per la ricerca nel campo delle terapie atte a migliorare gli esiti dell'allotrapianto renale e cardiaco.

Mohammad Iqbal Choudhary, professore all'Università di Karachi, in Pakistan, ha infine ottenuto il Premio Mustafa per la scoperta di molecole con applicazioni terapeutiche attingendo dalla medicina tradizionale.

Il Mustafa Prize è un premio scientifico ideato e concesso dall'omonima fondazione con sede in Iran. E' un importante premio scientifico e tecnologico assegnato ogni due anni ai migliori ricercatori e scienziati del mondo islamico in quattro categorie: "Scienza e tecnologia della vita e della medicina", "Nanoscienza e nanotecnologia". ", "Scienze e tecnologie dell'informazione e della comunicazione" e "Tutti i campi della scienza e della tecnologia".

L'assegnazione dei premi ha avuto il via nel 2015. Quest'anno si è tenuta la quarta edizione dell'evento.

Il premio è stato riconosciuto ufficialmente dall'Organizzazione della cooperazione islamica (OIC), il maggiore ente internazionale panislamico che raggruppa oltre 50 paesi del mondo.

Il Mustafa Prize è considerato dalla comunità scientifica e accademica come il più prestigioso premio di carattere scientifico tra i paesi islamici, definito dalla rivista Nature come il "Nobel islamico".

 

 

 

 

https://iqna.ir/fr/news/3478441

Nome:
Email:
* Commento:
* captcha: