IQNA

Ordine e disciplina nel Corano - 17

Ordine e disciplina nel consumo secondo l'Islam

23:53 - May 25, 2024
Notizie ID: 3490348
Tehran-Iqna- Una delle manifestazione di una condotta ordinata è il mantenimento di moderazione e prudenza nei consumi finanziari

Ordine e disciplina nel consumo secondo l'Islam

 

Una delle manifestazione di una condotta ordinata è il mantenimento di moderazione e prudenza nei consumi finanziari.

Uno sguardo ai versetti del Corano che invitano gli esseri umani a beneficiare dei doni e delle benedizioni divine mostra che esistono delle condizioni legate a questo permesso.

Ad esempio, i versi che iniziano con il termine "kulu (mangiare)" sono di due tipi. Alcuni indicano le condizioni ijabi (propositive) e altri le condizioni salbi (proibitive).

Tra le condizioni ijabi ci sono Taqwa (timore di Dio), gratitudine, donare ai poveri e compiere buone azioni:

 “Mangiate dalle cose lecite e buone che Allah vi ha dato. Abbiate timore di Allah...”. (versetto 88 della Surah Al-Ma’idah)

"Mangiate dalle cose lecite e buone che Allah vi ha fornito e siate grati per i favori di Allah se è Lui che adorate." (versetto 114 della Surah An-Nahl)

“…Mangiatene e nutrite i poveri bisognosi”. (versetto 28 della Surah Hajj)

“Mangiate ciò che è buono e compiete buone azioni; Io ho conoscenza di ciò che fate." (versetto 51 della Surah Muminoon)

Per quanto riguarda le condizioni salbi, esse includono evitare la corruzione, la ribellione, seguire satana e lo spreco. Il Corano, dopo aver fatto riferimento alla benedizione degli alberi e dei frutti, sottolinea due condizioni: fare carità ai poveri ed evitare gli sprechi.

E Lui che ha creato giardini [di vigne] con pergolati e senza pergolati, palme e piante dai diversi frutti, l’olivo e il melograno, simili ma dissimili; mangiatene i frutti e versatene quanto dovuto nel giorno stesso della raccolta, senza eccessi, ché Allah non ama chi eccede. (versetto 141 della Surah Al-Anaam)

Nel versetto successivo di questa Surah, il Corano evidenzia il dono del bestiame e poi ci ordina di evitare di seguire satana: “E per quanto riguarda il bestiame, alcuni sono per trasportare pesi e altri per essere macellati. Mangiate ciò che Allah vi ha dato e non seguite le orme di satana; egli è il nemico dichiarato”. (versetto 142 della Surah Al-Anaam)

In un altro esempio, dopo che il popolo di Mosè (pace su di lui) è stato salvato dalle grinfie faraone, viene loro ordinato di evitare di trasgredire: "Mangiate delle cose buone che vi abbiamo fornito e non trasgredite in ciò" (versetto 81 della Surah Taha)

E quando Mosè colpì una roccia con il suo bastone e da essa sgorgarono dodici sorgenti, ai Bani Isra'il (figli di Israele) venne ordinato di evitare la corruzione sulla Terra: “(Ricordate) quando Mosè pregò per l'acqua per il suo popolo; gli dicemmo : 'Colpisci la roccia con il tuo bastone'. Allora da essa sgorgarono dodici sorgenti, e (da quel momento) ciascuna tribù conosceva il luogo in cui bere. ‘Mangiate e bevete di ciò che Allah ha provveduto e non agite in modo malvagio sulla Terra , corrompendola.’ ” (versetto 60 della Surah Al-Baqarah)

Da questi passi del Sacro Corano ci rendiamo conto che è importante per ogni musulmano tenersi lontano dagli estremi e adottare un approccio moderato.

 

 

 

 

https://iqna.ir/en/news/3488291

captcha