IQNA

23:58 - February 28, 2018
Notizie ID: 3482623
Iqna - La figlia del religioso sciita libanese rapito in Libia, l‘Imam Musa al-Sadr, Houra Sadr, ha dichiarato domenica scorsa che i documenti e le prove non confermano la morte del padre, aggiungendo che non si esclude che probabilmente possa essere ancora detenuto in una prigione libica.

Imam Musa Al-Sadr, nessuna prova conferma la morte

“I documenti e le prove dimostrano che è vivo e imprigionato perché non esistono prove del contrario”, ha dichiarato Houra Sadr, figlia dell’Imam e direttore dell’Istituto Imam Sadr. Ha insistito sul continuo impegno da parte di tutti i corpi e funzionari per gettare luce sul destino di suo padre e ha ribadito: “È ancora vivo e tenuto in carcere, ma non è stato ancora ritrovato”.

Lo scorso febbraio, il portavoce del ministero degli Esteri iraniano, Bahram Qassemi, ha sottolineato la seria ricerca di Teheran sul destino dell’imam Musa al-Sadr. “Il caso dell’Imam Musa al-Sadr è così importante per il governo iraniano che è sempre stato nel suo ordine del giorno”, ha dichiarato Qassemi.

Nell’aprile 2012, il portavoce del governo libico Nasser al-Manee ha annunciato che una serie di documenti appartenenti al precedente regime libico indicano che il religioso sciita libanese di origine iraniana è stato ucciso dal regime di Gheddafi. “Sulla base delle informazioni scoperte nell’ufficio di sicurezza del regime di Gheddafi, l’Imam Musa al-Sadr e i suoi amici sono stati martirizzati dalle forze militari di Gheddafi”, ha dichiarato Manee.

Al-Sadr, un filosofo libanese di origine iraniana, trascorse molti anni della sua vita in Libano come leader religioso e politico prima di scomparire durante un viaggio in Libia su invito di Muammar al-Gheddafi. Nell’agosto del 1978, al-Sadr partì per la Libia con due compagni per incontrare il capo del regime libico, Muammar al-Gheddafi, per invitarlo a cessare la sua ingerenza nella guerra civile libanese (1975-1990) e il continuo invio di armi alle parti in conflitto. Molti credono che i tre siano stati fatti sparire da Gheddafi.

La Libia governata da Gheddafi ha costantemente negato la responsabilità, sostenendo che al-Sadr e i suoi compagni lasciarono la Libia per l’Italia nel 1978. Tuttavia, altri sostengono che al-Sadr sia ancora vivo e tenuto in una prigione segreta in Libia. Roma ha insistentemente affermato che al-Sadr non è mai arrivato in Italia a bordo del presunto volo.

Mentre la famiglia di al-Sadr sostiene che l’Imam sia ancora vivo e prigioniero in Libia, Abdel-Monem Houni, uomo vicino a Gheddafi, ha affermato a febbraio che al-Sadr è stato ucciso e sepolto poco dopo essere stato rapito.

di Giovanni Sorbello

 

ilfarosulmondo.it

Nome:
Email:
* Commento: