IQNA

8:47 - November 13, 2019
Notizie ID: 3484509
Tehran-Iqna- Ad affermarlo nel corso di in un'intervista con IQNA, l'Ayatollah Mohammad Ali Taskhiri, consigliere speciale della Guida Suprema della Rivoluzione Islamica

I pregiudizi di alcuni studiosi musulmani sono il principale ostacolo alla realizzazione dell'unità islamica. Ad affermarlo nel corso di in un'intervista con IQNA, l'Ayatollah Mohammad Ali Taskhiri, consigliere speciale della Guida Suprema della Rivoluzione Islamica e veterano della causa dell'unità islamica.

Il religoso, che è impegnato da decenni nella promozione del dialogo tra le diverse correnti all'interno del mondo islamico, ritiene la coesione tra i musulmani fondamentale per svariati motivi, tra cui la capacità di fronteggiare le minacce e le trame coloniali dei nemici dell'Islam.

Secondo l'Ayatollah Taskhiri tuttavia alcuni studiosi o cosiddetti studiosi musulmani hanno pregiudizi contro altre scuole di pensiero islamiche accusando queste di essere eretiche. Per Taskhiri tale pregiudizio è dovuto fondamentalmente all'ignoranza di questo gruppo di studiosi circa le vere credenze delle correnti islamiche da loro messe sotto accusa.

"Se si incontrano e comprendono le reciproche convinzioni, si renderanno conto che il 90 percento delle credenze sono le stesse. Tuttavia, l'ignoranza ha un impatto e questo impedisce il raggiungimento dell'unità ".

Nell'intervista, l'Ayatollah Taskhiri, che dirige attualmente il Consiglio supremo del Forum per la prossimità delle scuole di pensiero islamiche (WFPIST), ha anche accusato alcuni governanti di paesi islamici di ostacolare i tentativi per rafforzare l'unità tra i musulmani. Tali governanti, secondo il religioso iraniano, preferiscono i loro interessi personali a quelli della Umma islamica, ed è per questo motivo che vendendosi alle potenze imperialistiche ed arroganti cercano di ostacolare tutto ciò che potrebbe nuocere agli interessi illegittimi di queste potenze. 

"Gli interessi dei nemici del mondo islamico vanno contro l'unità e la vicinanza tra i musulmani. Questo è il motivo per cui cercano di prevenire l'unità diffondendo discordia in campo religioso e politico, in modo da poter raggiungere i loro obiettivi coloniali".

L'Ayatollah Taskhiri ha continuato dicendo che se non si dovesse arrivare all'unità nel mondo musulmano, sarà molto difficile perseguire due obiettivi principali: la resistenza contro le trame coloniali dei nemici e la realizzazione dei dettami coranici e islamici.

Lo studioso ha sottolineato che la Repubblica islamica dell'Iran è in prima linea nel promuovere la causa dell'unità islamica e nell'incentivare la comprensione e la cooperazione reciproca tra le diverse scuole di pensiero islamiche.

Non solo, per Taskhiri la Repubblica islamica è fortemente impegnata anche nella promozione del dialogo interreligioso con i fedeli di altre religioni, in primis il Cristianesimo.

Nell'intervista l'Ayatollah Taskhiri ha ricordato gli sforzi per promuovere la vicinanza islamica compiuti nel corso del 20° secolo da studiosi sciiti in Iran e Iraq e da studiosi sunniti di Al-Azhar in Egitto.

Taskhiri ha sottolineato la disponibilità dell'Iran a riprendere tali sforzi in collaborazione con Al- Azhar, precisando che prima di istituire il WFPIST l'Iran ha cercato il rilancio del Dar-ol-Taqrib (casa di prossimità islamica) di Al-Azhar, senza ricevere però risposta positiva.

Nato nel 1944, l'Ayatollah Mohammad Ali Taskhiri è un religioso sciita iraniano noto soprattutto per aver ricoperto dal 2001 al 2012 la carica di segretario generale del World Forum for Proximity of Islamic Schools of Thought (WFPIST). In tale ruolo ha viaggiato in molti paesi ed ha partecipato a numerose conferenze ed eventi finalizzati alla promozione dell'unità e della vicinanza nel mondo musulmano.

Il World Forum for Proximity of Islamic Schools of Thought è un ente statale iraniano nato su iniziativa della Guida Suprema della Rivoluzione Islamica, l'Ayatollah Seyyed Ali Khamenei, con il compito di promuovere l'unità tra le diverse correnti all'interno del mondo islamico.

L'Ayatollah Taskhiri è anche un rinomato studioso e ricercatore nel campo delle scienze islamiche e coraniche, autore di numerosi libri e articoli.

Una delle sue opere più conosciute è un breve Tafseer (esegesi) del Sacro Corano realizzato in collaborazione con lo studioso libanese Mohammad Saeed al-Numani. L'opera è stata scritta in lingua araba e presto sarà tradotta in persiano ed in altre lingue.

 

 

Ayatollah Taskhiri: i pregiudizi di alcuni studiosi ostacolo principale all'unità islamica

 

 

https://iqna.ir/fa/news/3856095

 

 

 

 

 

 

 

 

Iqna-E' autorizzata la riproduzione esclusivamente citando la fonte

Nome:
Email:
* Commento: