IQNA

23:58 - April 23, 2020
Notizie ID: 3484988
Tehran-Iqna- Sessantasette organizzazioni per i diritti arabi e internazionali hanno invitato le autorità del Bahrain a liberare i prigionieri di coscienza
Bahrain: gruppi per i diritti umani chiedono rilascio dei prigionieri

I gruppi in una dichiarazione hanno sottolineato la necessità che il Bahrein rispetti la richiesta dell'Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i diritti umani per il rilascio di prigionieri di coscienza, secondo quanto riportato dal quotidiano Bahrain Mirror.

Hanno esortato Manama a mettere il rilascio dei prigionieri come parte di misure per prevenire la diffusione del coronavirus.

Le carceri e i centri di detenzione sono luoghi ad alto rischio per la diffusione di malattie infettive e condizioni che non consentono di attuare misure di allontanamento sociale, hanno sottolineato.

Il mese scorso, l'Alta Commissaria delle Nazioni Unite per i diritti umani Michelle Bachelet ha sollecitato tutti i paesi a rilasciare prigionieri per arginare la diffusione del coronavirus.

"COVID-19 ha iniziato a colpire carceri, prigioni e centri di detenzione per immigrati, nonché case di cura residenziali e ospedali psichiatrici, e rischia di scatenarsi nelle popolazioni estremamente vulnerabili di tali istituzioni", ha affermato.

"Le autorità dovrebbero esaminare i modi per liberare coloro che sono particolarmente vulnerabili al COVID-19, tra cui i detenuti più anziani e quelli che sono malati, nonché i trasgressori a basso rischio".

Bachelet ha sottolineato che le strutture di detenzione in molti paesi sono gravemente sovraffollate, il che rende i detenuti e il personale particolarmente vulnerabili alla cattura del nuovo coronavirus mortale.

“Le persone sono spesso trattenute in condizioni antigieniche e i servizi sanitari sono inadeguati o addirittura inesistenti. Il distanziamento fisico e l'autoisolamento in tali condizioni sono praticamente impossibili ", ha osservato.

 

 

https://iqna.ir/en

Nome:
Email:
* Commento:
* captcha: