IQNA

23:58 - May 29, 2020
Notizie ID: 3485120
Iqna - Rabbie Dovid Weiss, portavoce di Neturei Karta International, afferma che gli ebrei anti-sionisti sostengono il ritorno di tutte le terre occupate al popolo palestinese
Neturei Karta: Israele deve restituire terre palestinesi

Rabbie Dovid Weiss, portavoce di Neturei Karta International, afferma che gli ebrei anti-sionisti sostengono il ritorno di tutte le terre occupate al popolo palestinese. In un’intervista rilasciata a Mehr News Agency, il rabbino Weiss ha affermato che il regime israeliano è stato istituito in Palestina commettendo tutti i tipi di crimini contro il suo popolo. Ciò rappresenta una violazione delle leggi religiose ebraiche nei confronti di altri esseri umani, aggiungendo che gli ebrei anti-sionisti sostengono “il ritorno di tutta la terra al popolo palestinese”.

La sua intervista è stata condotta in occasione del Nakba Day (il giorno della catastrofe) e alla vigilia del Quds Day, quando nel 1948, centinaia di migliaia di palestinesi furono espulsi con la forza dalla loro patria e Israele proclamò la sua esistenza. I rifugiati furono costretti a cercare rifugio in Giordania, Libano, Siria, Cisgiordania e Striscia di Gaza, spesso senza che fosse concessa la cittadinanza.

Ecco il testo completo della sua intervista:

Sono trascorsi 72 anni dall’occupazione delle terre palestinesi da parte del regime israeliano; in quali condizioni si trova il regime in termini di identità e stato politico/sociale?

Prima di rispondere alla domanda, vorrei esprimere il nostro punto di vista come ebrei tradizionalmente ortodossi. Ci opponiamo al sionismo perché è una filosofia antiebraica di costruire una patria sovrana per gli ebrei durante l’esilio divinamente decretato, che è proibito dalla religione ebraica. Inoltre, questa patria è stata fondata in Palestina commettendo tutti i tipi di crimini contro il suo popolo, il che è una violazione delle leggi religiose ebraiche nei confronti di altri esseri umani. Non sosteniamo “due stati per due popoli”; sosteniamo il ritorno dell’intera terra al popolo palestinese. Crediamo che ebrei pacifici non militanti saranno in grado di vivere in pace in uno Stato palestinese.

Durante i 72 anni di occupazione, ci sono state diverse fasi, dalle guerre con i Paesi vicini ai negoziati con i palestinesi con l’obiettivo di una soluzione a due Stati (ovviamente questi negoziati non sono mai stati pensati per condurre da nessuna parte, e allo stesso tempo i sionisti costruivano sempre più insediamenti). Con il futuro di due Stati completamente compromesso, vedremo una spinta maggiore per uno Stato democratico, in cui gli ebrei diventeranno presto una minoranza. Gli israeliani lo sanno ed è per questo che Netanyahu e il suo partito hanno approvato leggi per dichiarare Israele lo Stato-nazione del popolo ebraico. Naturalmente, questo è ridicolo perché non può pretendere di rappresentare l’ebraismo o il popolo ebraico, sia che risiedano dentro o fuori dal loro Stato.

Cosa suggeriscono le attuali crisi e fratture politiche tra le autorità israeliane, così come la sicurezza minata del regime?

Per prima cosa non dimentichiamo ciò che l’Onnipotente afferma nella santa Torah: “Perché trasgredisci la parola dell’Onnipotente? Non avrà successo! ” (Numeri 14:41). Andare contro il comando della Torah formando uno Stato ebraico e/o opprimendo gli altri, non riuscirà alla fine.

Parte della spaccatura in politica riguarda la stesura di ebrei religiosi nell’esercito. Tutte le parti secolari sono determinate a redigere i religiosi; la loro disputa riguarda se farlo con la forza o “abituarli” lentamente. I religiosi hanno sempre rifiutato di prestare servizio nell’esercito perché si oppongono allo Stato e alle sue guerre. Ci sono state continue proteste su questo argomento e abbiamo fatto appello alle Nazioni Unite.

Come ho detto prima, l’opinione della Torah è contraria a tutti i partiti politici israeliani e allo Stato nel suo insieme. Le nostre comunità che vivono in Terra Santa si rifiutano di prendere parte allo Stato di Israele e protestano costantemente contro la sua esistenza illegale e i crimini che commette. Promuoviamo che l’occupazione illegale debba essere rapidamente e pacificamente smantellata nella sua interezza.

Sulla base dei dati disponibili sulle armi e sul sostegno finanziario degli Stati Uniti e della Gran Bretagna agli israeliani, come vede il ruolo di Washington e Londra nella formazione e realizzazione del regime sionista?

Sfortunatamente, i sionisti sono riusciti a convincere molti Paesi a sostenerli. Hanno abusato dell’Olocausto e della lunga storia di persecuzioni antiebraiche per convincere la gente che gli ebrei hanno bisogno del loro Stato. Questo è ciò che ha dato loro la capacità di stabilire il loro Stato e di continuare con il sostegno del mondo fino ad oggi, ignorando la posizione di autentici ebrei religiosi in Terra Santa e in tutto il mondo. Speriamo che questa falsa narrativa non venga accettata a lungo, ma piuttosto il mondo vedrà la verità e porrà fine al sostegno di questo inaccettabile Stato criminale. Questo, con l’aiuto dell’Onnipotente, aiuterà e accelererà sicuramente la fine dell’occupazione, in modo rapido e pacifico.

Il regime israeliano ha lottato per respingere i movimenti della Resistenza palestinese e libanese negli ultimi anni; i sionisti hanno avuto successo in questo senso? E questi sforzi aiuteranno Tel Aviv a sopravvivere?

Purtroppo hanno avuto un parziale successo militare, per così dire, infliggendo terribili perdite e danni. Ma non potranno mai fermare la liberazione del popolo palestinese e godere di un’occupazione criminale. Non raggiungeranno mai il vero successo nella loro ribellione contro l’Onnipotente, come menzionato sopra.

Diamo un’occhiata alla storia recente del popolo palestinese. Quali altre persone sono state esiliate per così tanto tempo e mantengono ancora lo status di rifugiato e (nel complesso) si rifiuta di accettare la cittadinanza o una vita confortevole in qualsiasi altro luogo? Da un punto di vista religioso ebraico, vedendo la mano dell’Onnipotente negli eventi mondiali, la risoluta determinazione dei palestinesi dimostra che l’Onnipotente non sta lasciando che i sionisti abbiano successo. Ciò è dovuto allo stesso versetto della Tora che ho citato prima (domanda 2): la ribellione contro l’Onnipotente non avrà successo.   

Il processo di normalizzazione dei legami arabo-israeliani è stato accelerato negli ultimi anni e non lo nascondono più; quali sono le ragioni principali alla base di tali misure da parte del regime israeliano?

Non possiamo commentare, né sappiamo, i motivi politici sionisti. Ma è chiaro che un vantaggio per loro è quello di fare pace con una parte del mondo arabo e musulmano in modo che non abbiano tutti contro di loro contemporaneamente.

Nel 2017, gli Stati Uniti hanno spostato la propria ambasciata da Tel Aviv a Gerusalemme; in che misura questa misura ha favorito il processo di legalizzazione del regime sionista?

Riteniamo che il trasferimento dell’ambasciata sia stata una mossa tragica. Dà al regime sionista una sensazione di impunità che ora può procedere ad annettere sempre più terra e ottenere il timbro americano. Ma molti americani non sono contenti di questo e alla fine la situazione potrà invertirsi se abbastanza americani diventano consapevoli dell’ingiustizia.

Intervista di Morteza Rahmani

 

 

 

 

https://ilfarosulmondo.it

Nome:
Email:
* Commento:
* captcha: