IQNA

23:49 - January 22, 2021
Notizie ID: 3485880
Tehran-Iqna- In un comunicato stampa, il Comitato di coordinamento dei musulmani turchi in Francia (CCMTF), la Confederazione islamica Millî Görüş e Faith and Practice (Tabligh) hanno affermato che la "Carta dei principi per l'Islam in Francia" è stata firmata prima di aver ottenuto l'approvazione di tutti i componenti del CFCM (Consiglio francese del culto musulmano)

Diverse organizzazioni islamiche francesi hanno annunciato la propria opposizione alla cosiddetta "Carta dei principi per l'Islam in Francia".

In un comunicato stampa, il Comitato di coordinamento dei musulmani turchi in Francia (CCMTF), la Confederazione islamica Millî Görüş (CIMG) e Faith and Practice (Tabligh) hanno affermato che la "Carta dei principi per l'Islam in Francia" è stata firmata prima di aver ottenuto l'approvazione di tutti i componenti del CFCM (Consiglio francese del culto musulmano).

Di seguito il testo del comunicato delle tre organizzazioni islamiche:

 

Noi, CCMTF, CIMG e Faith & Practice, ricordiamo che come federazioni componenti del CFCM che non hanno firmato la carta, siamo stati molto attivamente coinvolti dall'inizio del processo di formazione del Consiglio Nazionale degli Imam (CNI) e lo sviluppo del suo statuto. Prendiamo atto della presentazione della Carta denominata "Carta dei Principi dell'Islam di Francia" al Presidente della Repubblica lunedì 18 gennaio 2021.

Ci rammarichiamo che questa Carta sia stata firmata da un lato prima di aver ottenuto l'approvazione di tutte le componenti del CFCM - in accordo con il principio di consenso che è stato rispettato all'interno di questa istituzione fino ad oggi - dall'altro senza alcuna consultazione degli Imam che sono i primi interessati, né del CRCM e del CDCM (consigli regionali e dipartimentali del culto musulmano). Si segnala inoltre che la Grande Moschea di Saint Denis de la Réunion, componente fondante del CFCM, non intende firmare questa carta e non farà parte del futuro CNI, dandosi così la possibilità di preservare la sua attuale modalità di funzionamento.

In questa occasione desideriamo condividere pubblicamente le nostre posizioni su alcune questioni sollevate durante il processo di formazione del CNI.

Siamo ovviamente d'accordo con la richiesta di non ingerenza da parte degli Stati, la non strumentalizzazione delle religioni e il rispetto della Costituzione e dei principi della Repubblica.

Tuttavia, riteniamo che alcuni passaggi e formulazioni del testo presentato rischiano di indebolire i legami di fiducia tra i musulmani di Francia e la nazione. Inoltre, alcune dichiarazioni minano l'onore dei musulmani, con un carattere accusatorio ed emarginante.

Restiamo convinti che l'istituzione del CNI sarà vantaggiosa sulla base di un testo comune che consentirà ai musulmani di ottenere il proprio giusto posto all'interno della comunità nazionale. La legittimità del CNI dipenderà direttamente dalla sua accettazione da parte della comunità musulmana in Francia.

Il successo del CNI richiederà inevitabilmente di tener conto di tutte le sensibilità dei componenti del CFCM e dei contributi degli Imam. Ecco perché l'adesione a questa carta deve necessariamente passare attraverso un'ampia consultazione democratica e partecipativa. Per adottare questa carta, dobbiamo riconoscerci nel suo contenuto. Non sarebbe utile firmare un testo che la nostra comunità non può accettare con serenità.

Rappresentiamo una comunità religiosa che aderisce alla Costituzione e accetta i principi di libertà, uguaglianza e fraternità, che sono i principi fondanti della Repubblica. Crediamo che l'istituzione del CNI da parte del CFCM e delle sue federazioni sia un primo passo decisivo. È nell'interesse della comunità musulmana avere Imam di lingua francese, immersi nella cultura francese e consapevoli della vita quotidiana dei musulmani in Francia. Sosteniamo gli sforzi per istituire il CNI, per spiegare meglio l'Islam nel contesto sociale e promuovere la coesione nazionale.

Agiamo con la fiducia, il sostegno e la sensibilità dei nostri compagni di fede. Dato che le istituzioni religiose sono sempre aperte al dialogo in uno spirito costruttivo, continueremo a dare il nostro contributo al lavoro del CNI.

Ci auguriamo che all'interno del CFCM, questa Carta resa pubblica venga modificata tenendo conto dei contributi di tutti. La consulenza di CRCM, moschee non affiliate a federazioni e Imam è essenziale per il successo di tale progetto.

 

 

 

 

https://iqna.ir/fr/news/3475509

Nome:
Email:
* Commento:
* captcha: