IQNA

23:20 - October 16, 2021
Notizie ID: 3486769
Tehran-Iqna- Un'organizzazione chiamata "Comunità Solidale" si sta impegnando per far avanzare la causa dei musulmani della Georgia e per cambiare la percezione pubblica di un patrimonio a lungo visto come straniero

Georgia: la

 

Un'organizzazione chiamata "Comunità Solidale" si sta impegnando per far avanzare la causa dei musulmani della Georgia e per cambiare la percezione pubblica di un patrimonio a lungo visto come straniero.

La Georgia è un paese dichiaratamente cristiano e spesso si dimentica che circa il dieci per cento dei suoi quasi quattro milioni di cittadini sono musulmani.

Sebbene molti dei musulmani del paese siano di etnia azera, esiste anche una considerevole comunità islamica etnicamente georgiana, in particolare nella Repubblica autonoma di Agiaria, sulla costa del Mar Nero, nella Georgia occidentale.

Più di 150.000 persone, ovvero circa il 40% della popolazione dell'Agiaria, praticano l'Islam.

Eppure, nonostante le dimensioni della comunità, i musulmani dell'Agiaria sono stati a lungo emarginati e la loro eredità religiosa trascurata.

Fondata all'inizio di quest'anno,"Comunità Solidale" è un'organizzazione giovanile che vuole cambiare le cose, sostenendo la comunità musulmana della Georgia e promuovendo la tolleranza.

“Basiamo la nostra visione ed i nostri valori sui diritti umani. Vogliamo contribuire alla costruzione di una società equa e giusta”, afferma Zaza Mikeladze, uno dei fondatori della Comunità Solidale.

“Se tutti i segmenti della società non si mostrano solidali gli uni con gli altri, allora domani qualsiasi comunità può diventare emarginata e soggetta a discriminazione. Questo è ciò che vogliamo evitare".

Oltre a sostenere i diritti della comunità musulmana, l'organizzazione conduce anche ricerche sull'identità religiosa e sulla storia dei musulmani in Georgia.

“Questo è importante poiché è quasi impossibile trovare ricerche sui musulmani in Georgia o raccontare la loro storia. C'è una mancanza di informazioni. Ciò che è disponibile di solito si basa su stereotipi", aggiunge Mikeladze.

Nonostante la costituzione georgiana garantisca la libertà di religione, la chiesa ortodossa, alla quale appartiene circa l'83 per cento della popolazione, gode di una posizione privilegiata, comprese le esenzioni fiscali.

Secondo il politologo George Sanikidze, il cristianesimo svolge un ruolo particolarmente importante nella narrativa nazionale georgiana e nella coscienza nazionale georgiana, come suggerito dallo slogan del movimento nazionale georgiano del XIX secolo, "lingua, patria, fede [cristianesimo]".

La chiesa ortodossa georgiana resta uno dei principali pilastri dell'identità nazionale georgiana. L'Islam nel frattempo è percepito da molti come straniero, non georgiano.

L'attuale narrativa storica insegnata nelle scuole pubbliche presenta il Cristianesimo come una parte primordiale della storia dell'Agiaria, mentre associa l'Islam al dominio degli Ottomani. "Comunità Solidale" intende cambiare questa narrativa.

"L'eredità islamica della Georgia è presentata come un residuo del dominio nemico", afferma Mikeladze.

A Batumi, la capitale dell'Agiaria, la moschea di Orta Jame (nella foto sopra), l'unica funzionante della città, è troppo piccola per accogliere i fedeli musulmani della città. Ogni venerdì, molti fedeli sono costretti a pregare fuori. Nonostante le ripetute promesse del governo locale e centrale di costruire una nuova moschea, il problema persiste.

Mikeladze afferma che molte altre moschee in Agiaria sono nascoste e difficili da trovare.

“A Keda”, dice, “ci sono molte moschee di legno, che fanno parte del nostro patrimonio culturale. Tuttavia non sono incluse nelle pagine web del comune o su eventuali mappe turistiche”.

Comunità Solidale vuole ora riportare i musulmani dell'Agiaria e la loro eredità sulla mappa.

 

 

 

 

https://iqna.ir/en/news/3476066

Nome:
Email:
* Commento:
* captcha: