IQNA

Ministro cultura Iran: censura dei social media contro martire Soleimani segno della sua grandezza

23:47 - January 08, 2022
Notizie ID: 3487098
Tehran-Iqna- Il Ministro della Cultura iraniano Mohammad Mehdi Esmaeili ha deplorato la decisione delle piattaforme social di censurare le foto e il materiale scritto sul martire Qassem Soleimani, affermando che ciò mostra l'importanza di quello che Haj Qassem ha fatto

Ministro cultura Iran: censura dei social media contro generale Soleimani segno della sua grandezza


Il Ministro della Cultura iraniano Mohammad Mehdi Esmaeili ha deplorato la decisione delle piattaforme social di censurare le foto e il materiale scritto sul martire Qassem Soleimani, affermando che ciò mostra l'importanza di quello che Haj Qassem ha fatto.

Parlando a una conferenza dal titolo "Generale Soleimani, difensore della libertà, della sicurezza e della pacifica convivenza delle religioni", Esmaeili, nel criticare le piattaforme social ha affermato che esse sostengono di proteggere la libertà di parola ma censurano il nome e le foto del martire Soleimani.

"Questo non solo rivela la loro ipocrisia e l'atteggiamento basato su doppi standard, ma dimostra anche quanto sia stato grande il lavoro svolto dal generale Soleimani", ha affermato.

Il funzionario iraniano ha aggiunto che a due anni dal martirio del generale Soleimani la sua eredità continua a risplendere nel mondo nonostante i tentativi dei nemici di oscurarla.

Nel corso della conferenza, diretta dall'Organizzazione della cultura e relazioni islamiche (ICRO), sono intervenuti diversi leader religiosi musulmani, cristiani ed ebrei da paesi come Siria, Libano, Iraq e Iran.

Nei loro discorsi hanno evidenziato il ruolo del martire Soleimani nella difesa dei diritti dei fedeli di diverse religioni e nell'affrontare l'estremismo nella regione.

All'inizio di questa settimana, il Ministero iraniano delle tecnologie, dell'informazione e delle comunicazioni ha esortato i dirigenti delle piattaforme social Meta e Instagram a porre fine alla censura del materiale scritto e delle foto relative al martire Soleimani.

La protesta è stata indirizzata ai dirigenti di Facebook e Instagram in una lettera del Direttore generale per gli affari legali del ministero, Reza Fazel, il quale ha condannato il provvedimento adottato dalle due piattaforme social e chiesto spiegazioni sulla loro politica illegale nei confronti dei propri utenti. .

La lettera è stata inviata principalmente a Mark Zuckerberg, amministratore delegato di Meta Platforms Inc., che è l'organizzazione madre di Facebook e Instagram, mentre copie della lettera sono state inoltrate ad Adam Mosseri, diretttore di Instagram, e all'attuale presidente della Federal Communications Commission degli Stati Uniti, Jessica Rosenworcel.

Nella lettera, il ministero delle comunicazioni iraniano ha sottolineato il fatto che la cancellazione e la censura delle foto e del materiale scritto relativo al generale martire Soleimani, noto eroe della lotta al terrorismo ed eradicatore del gruppo terroristico ISIS, “non è conforme a nessuna norma internazionale”.

 

 

 

https://iqna.ir/en/news/3477221

Nome:
Email:
* Commento:
captcha