IQNA

23:58 - June 02, 2020
Notizie ID: 3485130
Iqna - L’Iran ha invitato gli Stati Uniti a “fermare la violenza” contro il proprio popolo dopo la morte di George Floyd
La Cina e l’Iran criticano il razzismo negli Stati Uniti e la brutale repressione poliziesca

La Cina ha denunciato la “malattia cronica” del razzismo negli Stati Uniti lunedì dopo la morte di George Floyd, che ha suscitato proteste in tutto il paese.

Zhao Lijian, portavoce del ministero degli Esteri cinese, ha affermato che “i disordini in diverse città americane sono un segno della gravità del problema del razzismo e della violenza della polizia negli Stati Uniti”.

L’Iran ha invitato gli Stati Uniti a “fermare la violenza” contro il proprio popolo dopo la morte di George Floyd.

Abbas Moussavi, portavoce del ministero degli Esteri iraniano, ha dichiarato in una conferenza stampa a Teheran: ” Solidarietà con il popolo americano, il mondo ha ascoltato il tuo grido sullo stato di oppressione. Il mondo è al tuo fianco ”; “E ha lanciato un appello ai funzionari americani e alla polizia: fermate la violenza contro il vostro popolo e lasciateli respirare.”

Zhao Lijian, in reazione all’influenza di Pechino nell’ex colonia britannica, ha paragonato la violenza negli Stati Uniti a quella che si è verificata a Hong Kong dichiarando che la violenza della polizia sul suo territorio è “un doppio standard – due misure di fama mondiale “perché” mai gli Stati Uniti trattano i partigiani della violenza e della presunta indipendenza di Hong Kong come eroi, mentre qualificano coloro che denunciano il razzismo in America come ‘rivoltosi?’

Inoltre, la Cina ha promesso questa mattina alcune “contromisure” negli Stati Uniti a seguito delle dichiarazioni di Donald Trump che vuole limitare l’ingresso di cittadini cinesi negli Stati Uniti e imporre sanzioni commerciali a Hong Kong. In una dichiarazione, Donald Trump ha annunciato che gli Stati Uniti stanno bloccando l’ingresso di cittadini cinesi che rappresentano “un potenziale rischio per la sicurezza del paese”.

Questa è la seconda reazione di Pechino da quando le misure annunciate venerdì dall’inquilino della Casa Bianca. Queste sorgono in un contesto di forti tensioni attorno al Covid-19 e al commercio bilaterale. Pechino venerdì scorso ha accusato Washington di “aver preso in ostaggio il Consiglio di sicurezza dell’ONU”.

Il 28 maggio, l’Iran ha dimostrato la sua sfida agli Stati Uniti presentando le sue nuove navi da guerra, che secondo le autorità iraniane, potrebbero intervenire nel Golfo e nell’Oceano Atlantico.

fonte: Observateur Continetal

Traduzione: Gerard Trousson

 

 

 

 

https://www.controinformazione.info/

Nome:
Email:
* Commento:
* captcha: