IQNA

23:59 - June 16, 2021
Notizie ID: 3486316
Tehran-Iqna- Il produttore di un controverso film di Hollywood sulla premier neozelandese Jacinda Ardern e sulla sua gestione della crisi scatenata dagli attacchi terroristici anti islamici di Christchurch si è dimesso dal progetto in seguito alle critiche piovute sul film circa lo spazio dedicato alle vittime musulmane dell'attacco

Christchurch Attacks: il produttore si dimette dal film They Are Us mentre le critiche crescono


La produttrice di un controverso film di Hollywood sulla premier neozelandese Jacinda Ardern e sulla sua gestione della crisi scatenata dagli attacchi terroristici anti islamici di Christchurch si è dimessa dal progetto in seguito alle critiche piovute sul film circa lo spazio dedicato alle vittime musulmane dell'attacco.

La premessa del film, "They Are Us", è stata anche criticata dal soggetto proposto, ovvero il primo ministro neozelandese Ardern, che dovrebbe essere interpretata da Rose Byrne. La Ardern ha affermato che la produzione di un film sull'argomento le sembra "molto presto e molto crudo" per la Nuova Zelanda.

La Ardern si è detta inoltre contraria a trattare i fatti di Christchurch dal punto di vista della premier, omettendo così il ruolo e la posizione centrale delle stesse vittime e delle loro famiglie. "Ci sono molte storie del 15 marzo che potrebbero essere raccontate, ma non considero la mia come una di queste". La Ardern ha ribadito di non essere coinvolta nella produzione film.

Il progetto è stato annunciato venerdì dal sito Hollywood Reporter e presentato come una "storia ispiratrice sulla risposta del giovane leader ai tragici eventi".

Il film è stato subito criticato per il fatto di essere incentrato sulla leadership di una donna bianca sullo sfondo dell'omicidio di massa di 51 musulmani da parte di un suprematista bianco. Molti neozelandesi musulmani hanno criticato la scelta definendola "sfruttatrice", "insensibile" e "oscena". Una petizione per porre fine alla produzione del film ha raccolto circa 60.000 firme negli ultimi tre giorni.

Lunedì, la produttrice neozelandese Philippa Campbell ha annunciato le sue dimissioni dal progetto. “Ho ascoltato le preoccupazioni sollevate negli ultimi giorni e ho sentito la forza delle opinioni delle persone. Ora sono d'accordo che gli eventi del 15 marzo 2019 sono troppo crudi e non desidero essere coinvolta in un progetto che sta causando tale angoscia", ha affermato in una dichiarazione rilasciata ai media.

“L'annuncio della produzione del film era incentrato su dinamiche legate al mondo del cinema e non teneva sufficientemente conto del contesto politico e umano in questo paese. È la complessità di tale contesto su cui ho riflettuto che mi ha portato a questa decisione».

Quando il progetto del film è stato annunciato venerdì, lo scrittore Guled Mire ha dichiarato al Guardian che la premessa era "completamente insensibile".

“La realtà è che molte vittime stanno lottando in questo momento. Stanno ancora cercando di raccogliere i pezzi”, ha detto.

Il film sarà diretto e scritto dal neozelandese Andrew Niccol. Niccol non ha ancora commentato le critiche piovute  sul film.

 

 

 

https://iqna.ir/en/news/3474938

Nome:
Email:
* Commento:
* captcha: