IQNA

23:47 - October 18, 2021
Notizie ID: 3486772
Tehran-Iqna- Una copia del Corano un tempo di proprietà dell'ex presidente degli Stati Uniti Thomas Jefferson sarà esposta al Dubai Expo 2020

Dubai: il Corano di Thomas Jefferson all'Expo 2020

 

Una copia del Corano un tempo di proprietà dell'ex presidente degli Stati Uniti Thomas Jefferson sarà esposta al Dubai Expo 2020.

Lo storico Corano in lingua inglese, tradotto con una prefazione di George Sale, non ha mai viaggiato fuori dagli Stati Uniti da quando è arrivato in quella che allora era l'America coloniale. Il set di due volumi fu stampato a Londra nel 1764.

Secondo il Library of Congress, ente pubblico americano che detiene la copia in questione, il Corano di Jefferson sarà "il primo oggetto in mostra dopo che gli ospiti emergono da un'esperienza di suoni e luci che espone i principi fondanti degli Stati Uniti, in particolare le sue innovazioni. Jefferson e il Corano sono il primo esempio di questi obiettivi".

"Mi dà grande orgoglio che questo Santo Corano... che è stato in possesso di uno dei padri fondatori degli Stati Uniti, venga mostrato al mondo come un simbolo del rispetto dell'America per la pluralità religiosa", ha detto Anila Ali, responsabile dell'American Muslim & Multifaith Empowerment Council, che si recherà a Dubai come parte di una delegazione interreligiosa.

Il Dubai Expo 2020 è l'ultima della serie di esposizioni universali iniziata a Londra nel 1851. Da allora l'evento si è svolto a intervalli variabili. L'edizione di Dubai era prevista per il 2020, ma è slittata di un anno a causa della pandemia di Covid.

Più di 192 paesi hanno padiglioni all'edizione di quest'anno, che è iniziata il 1 ottobre seguendo rigidi protocolli anti Covid. Gli organizzatori prevedono oltre 25 milioni di visitatori da tutto il mondo.

Sebbene l'evento durerà fino al prossimo marzo, il Corano di Jefferson sarà in mostra solo per i primi tre mesi dell'Expo. Secondo il Library of Congress, la presenza del Corano è un fatto unico, in quanto i suoi beni sono normalmente prestati solo a musei o altre istituzioni culturali.

Il Library of Congress ipotizza che Jefferson, a causa delle sue grandi riserve di schiavi africani e dei loro discendenti, potrebbe aver avuto un'esperienza diretta con persone di fede islamica.

Tuttavia Jefferson, in quanto primo segretario di stato degli Stati Uniti e terzo presidente, era anche interessato al mondo islamico per ragioni geopolitiche. Il Regno del Marocco fu il primo paese a riconoscere l'indipendenza americana nel 1777. Durante la prima guerra barbaresca nel 1805, Jefferson ospitò alla Casa Bianca nel mese di Ramadan un inviato musulmano dalla Tunisia.

La cena si tenne al tramonto, quando i musulmani rompono il digiuno nel Ramadan, per soddisfare le esigenze religiose dell'ospite di Jefferson.

Quando il rappresentante del Minnesota, Keith Ellison, divenne nel 2006 il primo musulmano ad essere eletto al Congresso americano, ha scelto di prestare giuramento sul Corano appartenuto a Jefferson.

 

 

 

 

https://iqna.ir/en/news/3475956

Nome:
Email:
* Commento:
* captcha: