IQNA

Le Surah del Corano - 13

Surah Ar-Ra'd, la Glorificazione di Dio nei cieli

23:44 - November 24, 2022
Notizie ID: 3488279
Tehran-Iqna- Il rombo del tuono nel cielo è tra i segni della grandezza di Dio e, secondo il versetto 13 della Surah Ar-Ra'ad, glorifica e loda Dio

Surah Ar-Ra'd, la Glorificazione di Dio nei cieli

 

La Surah Ar-Ra'ad o il Tuono, è il 13° capitolo del Corano e il 96° capitolo rivelato al Santo Profeta (pace su di lui). Composto di 43 versetti, è nel 13° Juz del Libro Sacro. L'obiettivo della Surah è sottolineare il potere della verità e la debolezza della menzogna. Ci sono divergenze di opinione sul fatto che si tratti di una sura makki o madani (se è stata rivelata al Santo Profeta alla Mecca o a Medina). Alcuni dicono che è una Surah makki a causa del suo contenuto, mentre altri dicono che secondo l'ordine della rivelazione dovrebbe essere madani (.

Il nome della Surah si riferisce al ruggito del cielo, che è stato indicato come Tasbeeh (glorificazione di Dio) nel versetto 13 del capitolo: "Il tuono esalta la sua lode, e così gli angeli sono in soggezione di lui . Scioglie i fulmini e colpisce chi vuole. Eppure discutono su Allah che è l'Eccelso al potere”.

Nell'interpretare questo versetto, alcuni hanno detto che il tuono è un segno della grandezza di Dio e quindi invita tutti a Tasbeeh (glorificare) Dio o il tuono stesso glorifica Dio. In un'altra interpretazione, è stato detto che chiunque oda il suono del tuono, glorificherebbe Dio. Ci sono anche suppliche da recitare quando si sente un tuono.

Questo capitolo parla del Tawheed (monoteismo), del potere di Dio, della veridicità del Corano e della profezia dell'ultimo messaggero (pace su di lui), della Resurrezione e della descrizione del Paradiso e dell'inferno. Gli argomenti cardine discussi in questa Surah sono Tawheed, il Giorno della Resurrezione, e Wahy (Apocalisse). Invita l'umanità a contemplare e riflettere su ciò che è accaduto alle persone vissute nel passato.

Surah Ar-Ra'ad è stata rivelata in risposta ai miscredenti che non hanno riconosciuto il Corano come un miracolo e un segno di Dio e hanno chiesto al Santo Profeta (pace su di lui) di mostrare loro un miracolo. Dio, l'Onnipotente, sottolinea in questa Surah che il Corano è la verità, quella che non è mescolata con la falsità.

Contiene uno degli avvertimenti più importanti del Corano agli esseri umani e alle società umane. È nel versetto 11: "... Allah non cambia la condizione di un popolo fino a quando non cambia la propria condizione ..." Quindi Dio non cambia il destino di nessun popolo e non li punisce a meno che non intraprendano la via della sfida ai peccati. È una Sunnah (regola) divina che in qualsiasi società, se l'ingratitudine e il peccato sostituiscono la gratitudine e l'obbedienza a Dio, la felicità si trasforma in miseria.

 

 

https://iqna.ir/en/news/3479408

Nome:
Email:
* Commento:
captcha