IQNA

Le famiglie musulmane in Austria soffrono ancora due anni dopo i raid

23:30 - November 29, 2022
Notizie ID: 3488303
Tehran-Iqna- Più di due anni fa, l'Operazione Luxor, mirava a "tagliare le radici dell'Islam politico" nelle parole di Karl Nehammer, allora ministro degli Interni e ora cancelliere del Paese

Le famiglie musulmane in Austria soffrono ancora due anni dopo i raid

 

È stato il più grande raid della polizia nell'Austria del dopoguerra.

Il cosiddetto Islam politico era stato uno dei principali strumenti dell'ex cancelliere conservatore Sebastian Kurz per criminalizzare l'Islam e la società civile musulmana. Le moschee sono state illegalmente chiuse e successivamente riaperte, ed è stato istituito un divieto dell'hijab, poi revocato, tutto basato sulla lotta contro la parola d'ordine di "Islam politico".

Il raid del novembre 2020 è stato preceduto da un'indagine durata almeno un anno e mezzo. Circa 70 case musulmane sono state brutalmente perquisite da più di 900 poliziotti e forze speciali, sulla base del sospetto dello stato che gli imputati fossero terroristi e nemici dello stato. I membri della famiglia e i bambini sono rimasti traumatizzati.

Il blitz ha preso di mira decine di privati, associazioni, imprese e fondazioni. Beni e conti bancari per un totale di oltre 20 milioni di euro (20 milioni di dollari) sono stati congelati, mentre le intercettazioni telefoniche sono costate alle autorità austriache più di mezzo milione di euro.

Ma qual è stato il risultato? Zero arresti, zero condanne. Un tribunale austriaco ha stabilito che nove persone che hanno presentato ricorso contro il raid avevano ragione e il raid era illegale. I casi contro più di 25 imputati sono stati archiviati. Le intercettazioni telefoniche sono state giudicate illegali. I testimoni contro gli imputati hanno ritirato le loro dichiarazioni o hanno perso nel procedimento civile. In altre parole, l'intera operazione è crollata come un castello di carte.

 

Critiche in crescita

Tuttavia, più di 70 imputati continuano a subire le implicazioni del raid. La maggior parte dei loro conti bancari e beni sono ancora congelati. Le imprese sono state economicamente distrutte. I bambini sono stati traumatizzati. Le persone non sono state in grado di continuare il loro lavoro.

Di conseguenza, la copertura dei media nazionali è diventata sempre più critica nei confronti dell'operazione, sebbene alcuni media filogovernativi siano rimasti notevolmente in silenzio, dopo aver ripetuto per ignoranza la propaganda iniziale del governo dopo i raid.

E mentre i parlamentari dell'opposizione hanno chiesto maggiori informazioni sulle incongruenze e contraddizioni dell'Operazione Luxor, i ministeri dell'Interno e della Giustizia hanno smentito di commentarla.

Domande fondamentali quindi ancora senza risposta: cosa ha fatto scattare davvero le indagini che hanno portato all'Operazione Luxor? Era presunto "terrorismo" in Egitto e (Palestina occupata), come suggerito nel mandato di perquisizione? L'operazione Luxor è stata avviata per il bene dei servizi segreti stranieri? I politici stavano ordinando al pubblico ministero e all'intelligence di indagare su persone specifiche?

Quando ho chiesto la fine delle indagini contro di me, il tribunale regionale - che aveva autorizzato l'irruzione in primo luogo - ha sostenuto che le mie "attività nella preparazione del cosiddetto rapporto sull'islamofobia e [la mia] attività con la Bridge Initiative presso la Georgetown University ha lo scopo di diffondere il termine di lotta 'islamofobia' con l'obiettivo di prevenire qualsiasi impegno critico nei confronti dell'Islam come religione… al fine di stabilire uno stato islamico”.

In altre parole, il mio lavoro di ricerca accademica sull'islamofobia o sul razzismo anti-musulmano è stato interpretato come un atto di terrorismo, vale a dire, il tentativo di stabilire uno stato islamico.

Questa decisione, che ho subito impugnato e che attende ora risposta dalla Corte d'Appello, ha rafforzato il mio sospetto che l'indagine nei miei confronti in quanto studioso pubblico antirazzista fosse una sorta di punizione per le mie continue critiche alla criminalizzazione dell'Islam e alla discriminazione nei confronti musulmani dal governo austriaco sotto la guida di Kurz.

L'operazione Luxor ha inviato un messaggio alla società civile musulmana e agli accademici musulmani. Era un messaggio di intimidazione, che avvertiva che qualsiasi tipo di agenzia politica musulmana indipendente, che protestava contro le ingiustizie in patria e oltre, si sarebbe tradotta in un giro di vite - dagli egiziani immigrati di prima generazione che manifestavano contro il regime di Sisi, alle critiche pubbliche alle violazioni dei diritti umani e le libertà religiose, come si manifesta nel mio lavoro.

Il sistema di giustizia indipendente si è costantemente pronunciato contro questa operazione. Eppure, due anni dopo il raid, tre quarti degli imputati sono ancora colti nel vuoto, in attesa che l'indagine priva di fondamento si concluda definitivamente.

Il danno sociale e la perdita di anni di vita quotidiana non potranno mai essere ripagati.

 

Di Farid Hafez

Farid Hafez è uno scienziato politico con sede a Vienna. È anche ricercatore presso la The Bridge Initiative della Georgetown University. È editore dell'Annuario degli studi sull'islamofobia e co-editore dell'European Islamophobia Report.

 

 

 

 

https://iqna.ir/en/news/3481463

Nome:
Email:
* Commento:
captcha