IQNA

23:30 - January 16, 2022
Notizie ID: 3487134
Iqna - Decine di enti di beneficenza e fondazioni hanno incanalato più di 105 milioni di dollari in organizzazioni “anti-musulmane”, secondo un nuovo rapporto di un importante gruppo statunitense per i diritti civili dei musulmani

Usa, enti di beneficenza finanziano gruppi anti-musulmani

 

Decine di enti di beneficenza e fondazioni hanno incanalato più di 105 milioni di dollari in organizzazioni “anti-musulmane”, secondo un nuovo rapporto di un importante gruppo statunitense per i diritti civili dei musulmani.

Il rapporto, pubblicato dal Council on American-Islamic Relations (Cair), ha rilevato che tra il 2017 e il 2019, 35 delle più grandi istituzioni e fondazioni di beneficenza esaminate avevano versato 105,8 milioni di dollari in una rete di 26 gruppi noti per ostilità contro la comunità musulmana.

“Non è un segreto che l’Islamofobia Network rimanga iperattiva e ben finanziata”, ha affermato in una nota Huzaifa Shabaz, coordinatrice nazionale di ricerca e advocacy di Cair. “Oggi più che mai, la comunità filantropica deve stabilire politiche chiare per impedire che i fondi vadano ai gruppi di odio e attuare iniziative educative per il personale e i membri del consiglio per aiutarli a comprendere la portata del bigottismo anti-musulmano”. I dati finanziari sono stati ottenuti attraverso i documenti fiscali pubblicamente disponibili di ogni istituto di beneficenza e fondazione per il 2017, 2018 e 2019.

Cresce sentimento anti-musulmano negli Usa

Fidelity Charitable, una delle organizzazioni menzionate nel rapporto di Cair, ha riferito a Middle East Eye che le sue “sovvenzioni sono raccomandate da donatori che hanno donato conti fondi consigliati presso Fidelity Charitable”.
“Questi non riflettono le opinioni o rappresentano un’approvazione da parte di Fidelity Charitable, un ente di beneficenza pubblico indipendente dalla causa neutrale”, ha affermato il portavoce, aggiungendo che garantisce che le sovvenzioni vengano concesse solo a enti di beneficenza autorizzati dall’Internal Revenue Service.
Un precedente rapporto di Cair ha rilevato che 1.096 organizzazioni sono state responsabili del finanziamento di 39 gruppi islamofobici tra il 2014 e il 2016, con entrate di almeno 1,5 miliardi di dollari.

Il gruppo per i diritti civili musulmani definisce la rete dell’islamofobia come un gruppo decentralizzato di organizzazioni e individui che “condividono un’ideologia di estremismo anti-musulmano” e lavorano insieme per incoraggiare negativamente l’opinione pubblica e le politiche del governo nei confronti dei musulmani e dell’Islam.
Il suo ultimo rapporto aiuta ad aggiungere alla scia di denaro decennale che tiene traccia del finanziamento del sentimento anti-musulmano negli Usa e mostra ulteriormente il collegamento tra questa rete di gruppi islamofobici e la principale e importante filantropia americana.

Il rapporto arriva sulla scia di un grave scandalo avvenuto il mese scorso, quando un direttore esecutivo di una delle sedi statali di Cair è stato licenziato per aver condiviso informazioni sull’organizzazione con “un noto gruppo di odio anti-musulmano”. Diverse settimane dopo, Cair ha annunciato di aver trovato un altro informatore, che stava spiando una moschea negli Stati Uniti. La notizia ha suscitato shock nelle comunità musulmane in tutto il Paese, già oggetto di sorveglianza del governo Usa, compreso l’uso di informatori.

 

 

 

ilfarosulmondo.it

Nome:
Email:
* Commento:
* captcha: