IQNA

8:31 - January 19, 2022
Notizie ID: 3487148
Iqna - Oltre 70 organizzazioni e personalità ebraiche hanno firmato una lettera aperta a sostegno del boicottaggio del Festival di Sydney del 2022, per quello che hanno definito l'”art-washing” dell’Apartheid israeliano

‘Art-Washing’ dell’Apartheid israeliano: lettera aperta di ebrei per boicottare il Festival di Sydney

 

Oltre 70 organizzazioni e personalità ebraiche hanno firmato una lettera aperta a sostegno del boicottaggio del Festival di Sydney del 2022, per quello che hanno definito l'”art-washing” dell’Apartheid israeliano.

Decine di artisti e performer hanno già deciso di ritirarsi dal festival. Il boicottaggio di massa dell’evento è arrivato dopo che Israele è stato elencato come partner del festival annuale, poiché la sua ambasciata in Australia ha fatto una donazione di 20 mila dollari a sostegno di un coreografo israeliano.

“Seguendo l’esempio degli organizzatori palestinesi, sappiamo che non possiamo permettere che questo artwashing funzioni come previsto. Invece di rimanere in silenzio, vogliamo dire ad alta voce: l’Apartheid israeliano, il colonialismo […] e l’occupazione non possono continuare”, si legge nella lettera aperta.

“Israele si impegna nella violenza quotidiana, dalla violenza di tribunali militari, posti di blocco, colonie, omicidi, furto di terre e molestie quotidiane delle comunità palestinesi in Cisgiordania, all’assedio di Gaza, agli attacchi aerei e quelli a Gerusalemme Est [avvenuti] a maggio del 2021 […]”, hanno aggiunto i firmatari.

“I boicottaggi sono uno strumento non violento ed efficace per smascherare questo tipo di ingiustizie ed aiutarci ad assumere una posizione contro di esse. La solidarietà funziona. Contrastare il colonialismo, ovunque e in qualsiasi momento, funziona. Ci dedichiamo a lavorare al fianco delle popolazioni indigene ovunque, ad amplificare le loro voci e le loro conoscenze nella lotta contro il colonialismo”, continua la lettera.

I firmatari hanno esortato il Festival di Sydney a rifiutare questo “artwashing” dell’Apartheid israeliano, e hanno invitato le persone di tutto il mondo a prendere posizione in solidarietà e a rifiutarsi di far parte della propaganda israeliana.

Le organizzazioni firmatarie includono Loud Jew Collective, Ebrei contro il fascismo, Hue, Ebrei contro l’occupazione-Sydney, il collettivo Tzedek e le Voci ebraiche australiane indipendenti.

 

 

 

www.infopal.it

Nome:
Email:
* Commento:
* captcha: