IQNA

La Nigeria è diventato uno strumento del terrorismo

6:33 - January 01, 2022
Notizie ID: 3487067
Iqna - Il Leader del Movimento Islamico della Nigeria (Min), Ibrahim Zakzaky, dopo cinque anni di prigionia illegale e torture, ha avuto l’opportunità di commemorare il 6° anniversario del brutale massacro nella città di Zaria da parte delle forze del regime

Nigeria è diventato uno strumento del terrorismo

 

Il Leader del Movimento Islamico della Nigeria (Min), Ibrahim Zakzaky, dopo cinque anni di prigionia illegale e torture, ha avuto l’opportunità di commemorare il 6° anniversario del brutale massacro nella città di Zaria da parte delle forze del regime.

A metà dicembre 2015, un pacifico raduno di musulmani nigeriani che celebrava il compleanno del Profeta dell’Islam a Husseiniyah Baqiatollah, è stato improvvisamente attaccato dalle forze militari nigeriane, provocando il martirio di oltre mille uomini, donne e bambini, tra cui il figli del venerabile religioso, lo sceicco Ibraheem Zakzaky, che insieme a sua moglie Maalama Zeenah, è stato ferito e arrestato.

Successivamente si è scoperto che il massacro e l’arresto del leader del Min è avvenuto su istruzioni personali del presidente nigeriano, che agiva secondo gli ordini impartitigli dal regime wahhabita dell’Arabia Saudita e dall’entità illegale sionista.

Sia Riyadh che Tel Aviv sono note per il loro intenso odio per i musulmani sciiti, come sono noti i seguaci della Scuola di Giurisprudenza del Profeta Muhammad Ahl al-Bayt (Famiglia Benedetta). Per loro era un anatema che lo sceicco Zakzaky avesse finora illuminato oltre dieci milioni di nigeriani attraverso la sua predicazione razionale e il loro numero stesse crescendo.

Per oltre cinque anni, Mohamedu Buhari, un ex generale militare che prima di manipolare gli elettori per vincere l’attuale presidenza negli anni ’80 aveva preso brevemente il potere attraverso un colpo di stato militare, ha sottoposto lo sceicco Zakzaky a misure disumane negandogli cure mediche e opponendosi al verdetto del Corte federale della Nigeria per il rilascio immediato del leader del Min nel 2016.

Alla fine ha dovuto “mangiare l’umile torta” quando quest’anno il tribunale ha assolto lo sceicco Zakzaky da tutte le assurde accuse mossegli dal regime nigeriano.

Nigeria al servizio di sauditi e sionisti

Il leader del Min, fedele agli insegnamenti dell’Islam esposti dall’Ahl al-Bayt, non porta rancore verso il regime e afferma che la porta del pentimento è aperta per coloro che cercano sinceramente il perdono di Dio e rispettano i diritti di nascita di tutti i cittadini, che per la costituzione nigeriana hanno la libertà di seguire qualsiasi credo di loro scelta. Lo sceicco ha aggiunto che lo Stato nigeriano è divenuto uno strumento di terrorismo.

Lo sceicco Zakzaky e sua moglie che soffrono di gravi disturbi a causa del comportamento brutale dei carcerieri nigeriani, tra cui malattie cardiache; spondilite cervicale/lombare; glaucoma avanzato-progressivo dell’occhio destro e avvelenamento da metalli pesanti di piombo e cadmio.

Nel suo discorso, lo sceicco Zakzaky ha affermato: “Senza dubbio, gli esseri umani sono tenuti a vivere insieme e ciò rende necessario che abbiano leggi e regolamenti che governino le loro vite. Il più fondamentale di tutti i diritti è il diritto di vivere, e nessuno può togliere la vita a un altro individuo”.

Si spera che le autorità della Nigeria tengano conto di questi punti e rispettino le clausole della costituzione che garantiscono la libertà di culto a tutti i cittadini. Ciò significa che dovrebbero anche smettere di imprigionare e uccidere i propri cittadini per ordine di elementi esterni, che finanziano e armano apertamente i terroristi di Boko Haram.

 

di Yahya Sorbello

 

 

 

 


ilfarosulmondo.it

Nome:
Email:
* Commento:
captcha