IQNA

Studiosi del mondo islamico - 8

Gli sforzi di una studiosa egiziana per esporre lo status delle donne nel Corano

23:20 - December 04, 2022
Notizie ID: 3488319
Tehran-Iqna- La dottoressa Fawzia al-Ashmawi era una studiosa che ha trascorso la sua vita a esporre la condizione delle donne nel Corano

Gli sforzi di una studiosa egiziano per esporre lo status delle donne nel Corano

 

Al-Ashmawi, morto il mese scorso, era un accademico, scrittore e traduttore egiziano. Ha lavorato come professoressa di letteratura araba e civiltà islamica all'Università di Ginevra. Era anche membro del Consiglio supremo per gli affari islamici, affiliato al ministero egiziano dell'Awqaf, e consigliere dell'UNSECO.

Era tra le figure accademiche che perseguivano il modernismo nell'indirizzo religioso e studiavano l'indirizzo religioso del Corano, l'importanza dell'intelletto nell'interpretazione dell'indirizzo religioso e dell'interpretazione del Corano, e anche l'alto status delle donne nell'Islam e nelle società musulmane, specialmente in Egitto.

Fawzia al-Ashmawi è nata ad Alessandria, in Egitto, all'inizio degli anni '40. Ha frequentato una scuola del convento durante la scuola elementare. Ha frequentato l'Università di Alessandria dove ha studiato presso il Dipartimento di lingua francese presso il College of Arts, presso il quale si è laureata nel 1965.

Al-Ashmawi si è poi diretta in Svizzera e lì ha continuato i suoi studi in scienze sociali fino a quando non si è laureata al College of Arts dell'Università di Ginevra. Proseguendo gli studi, ha conseguito la laurea magistrale nel 1974 e il dottorato di ricerca nel 1983 in arti, scienze umane e sociali. La sua tesi di laurea magistrale riguardava la personalità del Profeta Maometto (pace su di lui) nella letteratura francese, mentre la sua tesi di dottorato era La donna e l'Egitto moderno nell'opera di Naguib Mahfuz.

Al-Ashmawi ha lavorato come traduttore e consigliere in alcuni organismi delle Nazioni Unite in Svizzera, e per ISESCO e UNESCO. Ha lavorato anche come consulente culturale presso l'Ambasciata dell'Arabia Saudita, poi per quella degli Emirati Arabi Uniti a Ginevra. È stata promossa dalla posizione di assistente professore a capo del dipartimento di lingua araba e studi islamici dell'Università di Ginevra.

Il famoso studioso è morto a Ginevra il mese scorso all'età di 80 anni.

Il suo lavoro principale era "Woman in Quranic Address". In questo libro, osserva che mentre si trovava alla Mecca, il Santo Profeta (pace su di lui) affrontò l'ampia opposizione dei miscredenti. In questo periodo, l'indirizzo coranico stava introducendo il monoteismo alle persone e invitandole all'Islam. In quest'epoca, la donna non giocava un ruolo importante nella società e nelle Makki Sura la donna era messa in ombra dall'uomo. In queste Sure sono menzionate solo alcune donne come mogli di profeti o mogli di faraoni.

Ma dopo che il Santo Profeta (pace su di lui) si è trasferito a Medina, lì vediamo una società diversa che ha una pluralità culturale. Qui i versetti del Corano mettono le donne accanto agli uomini. In Madani Sura, Muminat (uomini credenti) e Muslimat (donne musulmane) sono menzionati accanto a Muminin (uomini credenti) e Muslimin (uomini musulmani).

 

 

https://iqna.ir/en/news/3481469

Nome:
Email:
* Commento:
captcha