IQNA

17:41 - May 26, 2020
Notizie ID: 3485113
Tehran-Iqna- La pratica musulmana delle abluzioni cinque volte al giorno prima delle preghiere obbligatorie potrebbe avere un ruolo importante nel prevenire la diffusione del coronavirus nelle comunità islamiche britanniche

La pratica musulmana delle abluzioni cinque volte al giorno prima delle preghiere obbligatorie potrebbe avere un ruolo importante nel prevenire la diffusione del coronavirus nelle comunità islamiche britanniche. A riportarlo un articolo sul quotidiano britannico The Times.

Secondo un recente rapporto del professor Richard Webber dell'Università di Newcastle e dell'ex politico del Partito laburista Trevor Phillips, i musulmani nel Regno Unito potrebbero essere meno esposti al coronavirus perché si lavano mani e viso minimo cinque volte al giorno.
 
Secondo i due, eseguire abluzioni cinque volte al giorno e lavarsi spesso le mani avrebbe potuto salvare molti musulmani dal contrarre il Covid-19. Il basso tasso di occupazione, in particolare delle donne musulmane, potrebbe anche aver contribuito a controllare la diffusione del virus nelle aree in cui vi sono più musulmani. Secondo la Young Foundation, solo il 29% delle donne musulmane britanniche ha un impiego.
 
La mancanza di occupazione significa un minore utilizzo dei trasporti pubblici e viaggi in luoghi affollati. Il duo di studiosi suggerisce che alcune abitudini culturali dei musulmani avrebbero potuto evitare di contrarre il virus.
 
Il rapporto si concentra sugli hotspot di coronavirus in tutto il Regno Unito e deduce che le aree con un'alta concentrazione di musulmani non sono incluse nelle prime liste, anche se le aree con una forte minoranza nera ed etnica (BAME) sono le più colpite.
 
Philips ha affermato che Blackburn, Bradford, Luton, Rochdale e Rotherham sono "notevoli per la loro assenza" nell'elenco dei luoghi maggiormente colpiti dal coronavirus, essendo sia aree non bianche che aree povere. Tutte queste aree hanno un'alta concentrazione di musulmani.
 
Phillips ha scritto: "Se la povertà fosse il fattore determinante, ci aspetteremmo che il virus si diffondesse tra le comunità musulmane pakistane e britanniche del Bangladesh. "
 
Egli ha portato come esempio la zona Tower Hamlets nel centro di Londra, che ha più di un terzo della popolazione musulmana ed è circondato da hotspot di coronavirus, ma sembra essere salvato.
 
Tower Hamlets ha 548 casi Covid-19 rispetto ai 859 nella vicina Newham e  i 1.075 casi di Southwark. Sorprendentemente i due distretti hanno un'alta percentuale di minoranze etniche, ma meno musulmani rispetto al distretto di Tower Hamlets.
 
Phillips suggerisce che il lavaggio regolare delle mani prima della preghiera, una giovane mezza età e meno di una donna musulmana su tre al lavoro potrebbe fornire alle comunità una protezione continua dal virus.
 
Sebbene non sia possibile determinare se le pratiche culturali di alcune famiglie musulmane le abbiano protette dal virus, i dati mostrano che i musulmani sono stati meno colpiti in molte parti del Regno Unito. 

“Forse c'è una lezione da imparare; Se una delle chiavi per fermare la trasmissione del virus è il lavaggio delle mani, una comunità religiosa di cui molti membri si lavano le mani prima delle preghiere cinque volte al giorno avrebbe qualcosa da insegnare al resto del mondo?" ha scritto Phillips.
 
Nell'articolo sul The Times, Phillips ha affermato: "Se la povertà fosse il fattore determinante, ci aspetteremmo che il virus si diffondesse tra le comunità musulmane britanniche pakistane e del Bangladesh. "
 
"Le abluzioni potrebbero aver ridotto il rischio di Covid-19 all'interno della comunità musulmana", conclude.

 

 

 

https://iqna.ir/fr

Nome:
Email:
* Commento:
* captcha: