IQNA

Decine di arresti a Leicester dopo scontri tra indù e musulmani

23:47 - September 21, 2022
Notizie ID: 3488036
Tehran-Iqna- La polizia britannica ha annunciato lunedì che almeno 47 persone sono state arrestate in relazione alle tensioni tra le comunità indù e musulmane nella città britannica di Leicester la scorsa settimana

Decine di arresti a Leicester dopo scontri tra indù e musulmani

 

La tensione ha attanagliato Leicester sabato dopo che giovani uomini delle comunità musulmane e indù sono scesi in strada per esprimere la loro indignazione per ciò che entrambi i gruppi hanno affermato, il maltrattamento dei membri della loro confraternita.

Inizialmente, la polizia ha affermato di aver arrestato due persone dopo che la violenza è esplosa in seguito a "una protesta non pianificata", l'ultimo di una serie di incidenti dopo la partita Pakistan-India durante la Coppa d'Asia del 28 agosto.

"In totale, 47 persone sono state arrestate per reati in relazione ai disordini nell'est della città", ha detto la polizia, aggiungendo che alcune delle persone arrestate provenivano da Leicester, comprese alcune persone di Birmingham.

Nel frattempo, ha detto la polizia, un uomo di 20 anni è stato condannato a 10 mesi di carcere dopo il suo arresto in relazione all'episodio.

"Marchio tossico di estremismo importato dall'India"

Da parte sua, il Consiglio musulmano della Gran Bretagna ha condannato ciò che definisce "il prendere di mira le comunità musulmane a Leicester da parte di gruppi Hindutva di estrema destra".

In una dichiarazione di lunedì, l'organismo ha evidenziato che negli ultimi giorni "si è verificato un aumento delle tensioni tra le diverse comunità di Leicester, mentre crescono le preoccupazioni per l'aumento dell'estremismo violento di destra Hindutva che si radica a livello locale".

"Sabato 17 settembre, gruppi di uomini in passamontagna hanno condotto una marcia, cantando slogan radicati nel suprematismo nazionalista Hindutva, lungo Green Lane Road, un'area popolata prevalentemente da musulmani e sikh", afferma la dichiarazione, aggiungendo che è stata seguita da una “serie di provocazioni”.

Ha descritto i casi di tali "provocazioni" come "canto fuori dalle moschee, attacchi mirati della folla ai musulmani e atti di vandalismo nelle case e nelle imprese negli ultimi mesi".

Gruppi di giovani di entrambe le comunità sono successivamente scesi in strada per protestare, provocando litigi fisici e battaglie, aggiunge la dichiarazione.

"Sebbene i leader religiosi abbiano condiviso dichiarazioni di solidarietà e fatto appello alla calma, a livello locale ci sono critiche per la percepita inazione delle forze dell'ordine, che non sono riuscite a disperdere la folla, nonostante siano state sollevate preoccupazioni di vecchia data", ha affermato.

 

iqna.ir/en/news/3480563

Nome:
Email:
* Commento:
captcha