IQNA

19:22 - July 02, 2020
Notizie ID: 3485208
Iqna - Gli operatori umanitari si stanno preparando per un possibile scoppio del coronavirus in uno dei campi profughi più grandi del mondo in Bangladesh. I funzionari avvertono che contenere la malattia tra più di un milione di musulmani rohingya sarà un compito scoraggiante

Gli operatori umanitari si stanno preparando per un possibile scoppio del coronavirus in uno dei campi profughi più grandi del mondo in Bangladesh. I funzionari avvertono che contenere la malattia tra più di un milione di musulmani rohingya sarà un compito scoraggiante. Con circa 40mila persone per chilometro quadrato (103.600 per miglio quadrato) che vivono fianco a fianco in baracche di plastica, i rifugiati sono drammaticamente esposti al virus. Ogni baracca misura appena 10 metri quadrati e molti sono sovraffollati con un massimo di 12 persone.

Non sono stati ancora segnalati casi di infezione nei campi, ma i funzionari rimangono preoccupati. Le Nazioni Unite non stanno effettuando alcun test per il virus ma inviano casi sospetti a un ospedale governativo. 

Rohingya in fuga dalla repressione del regime del Myanmar

“Stiamo facendo del nostro meglio per proteggerli, ma se il virus esploderà sarà un lavoro duro per tutti noi”, ha dichiarato a The Associated Press, Mohammad Shamsuddoza, il commissario per i rifugiati, soccorso e rimpatrio del Bangladesh. Ha detto che i 34 campi sono una grande sfida nonostante i preparativi per fornire migliori servizi sanitari. 

Rachel Wolff, direttore senior del gruppo di aiuto World Vision in Cox’s Bazar, ha affermato che “il distanziamento sociale è quasi impossibile per le famiglie”. 

Il Bangladesh ha riferito di sei decessi e 54 casi di Covid-19, ma resta forte la preoccupazione che il virus possa diffondersi nel Paese dell’Asia meridionale attraverso il Bangladesh.

Una delle ragioni del basso numero di casi segnalati potrebbe essere l’insufficienza dei test poiché le strutture sanitarie inizialmente non disponevano dei kit test. Il Bangladesh, una nazione di 160 milioni, è attualmente parzialmente bloccato per aiutare a contenere il virus. L’esercito del Paese è operativo per far rispettare le regole. Mohammad Kamal Hossain, il principale amministratore del governo di Cox’s Bazar, ha affermato che gli stranieri sono stati banditi dalle frequenti visite ai campi a meno che non siano “assolutamente necessari”. Sono stati incaricati di svolgere lavori in un ambito limitato.

 

di Yahya Sorbello

 

 

 

 

https://ilfarosulmondo.it

Nome:
Email:
* Commento:
* captcha: