IQNA

16:56 - January 18, 2020
Notizie ID: 3484701
IQNA - Un rapporto stima che circa 10 mesi dopo l'attacco a due moschee a Christchurch, in Nuova Zelanda, che ha ucciso molti fedeli, le attività economiche della comunità musulmana sono fortemente diminuite.

“Uno dei supermercati della comunità musulmana è stato chiuso e un altro deve essere venduto. I commercianti confermano un declino dell'attività a causa della morte di decine di capi di famiglia ", afferma il rapporto.
 
Amjad Hamid, cardiologo e padre di due figli a Christchurch, che gestiva anche la compagnia alimentare mediterranea Mefco, è una delle vittime dell'attacco terroristico perpetrato lo scorso marzo contro le moschee della Nuova Zelanda. Dalla sua morte, suo fratello Iman Hamid e suo nipote Noor Hamid avevano gestito l'azienda di famiglia, ma dovevano venderla per mancanza di reddito.
 

Noor Hamid ha dichiarato che la società ha avuto problemi economici dal 2017 quando si è trasferita a Christchurch, ma i suoi ricavi sono fortemente diminuiti dopo gli attacchi alle moschee.
 
Il governo della Nuova Zelanda ha fornito un pacchetto di aiuti finanziari e consulenza alle imprese colpite dagli attacchi alla moschea, ma ciò vale solo per i commercianti vicino alla moschea che sono stati costretti a chiudere dopo la sparatoria, e cercano di resistere nonostante questi problemi.

 

 

 

 

Fonte: https://iqna.ir/fa/news/3871785

Nome:
Email:
* Commento: