IQNA

4:18 - January 25, 2022
Notizie ID: 3487177
Tehran-Iqna- Un antico manoscritto coranico di 700 anni ha uno status speciale per la gente di un piccolo villaggio nel nord-est dell'Iraq

Manoscritto coranico di 700 anni, patrimonio culturale di un piccolo villaggio iracheno

 

Un antico manoscritto coranico di 700 anni ha uno status speciale per la gente di un piccolo villaggio nel nord-est dell'Iraq.

In un villaggio della regione di Sulaymaniyah, nel Kurdistan iracheno, vicino al confine con l'Iran, la gente del posto conserva un antico manoscritto del Corano che si dice sia stato scritto sette secoli fa da una guida religiosa della zona.

Ci sono molte storie su questa copia di Corano. Gli abitanti del posto prestano giuramento oppure chiedono perdono per i propri peccati usando il manoscritto.

Il manoscritto misura 37 per 26 centimetri e pesa 2,2 kg. I versi coranici sono scritti su una carta rara che è protetta dal calore e dall'umidità grazie all'olio e ai materiali speciali applicati su di essa.

Per la scrittura è stato utilizzato inchiostro nero mentre l'inchiostro rosso è stato usato per numerare i versetti e riportare spiegazioni extra sui lati.

Khader Abdullah è l'attuale detentore del Libro Sacro che ha ricevuto dai suoi antenati. Il 66enne afferma che il manoscritto rappresenta un patrimonio, un valore storico, estetico e artistico, e che non è diverso da qualsiasi altra copia del Sacro Corano nella sua forma, contenuto, parole e lettere.

Abdullah ha affermato che secondo gli anziani che vivevano nel villaggio, il Corano è stato scritto da un sapiente religioso della zona noto come Imam Davoud.

Gli abitanti del villaggio in precedenza tenevano il manoscritto nella moschea, che portava anche il nome del suo scrittore, ma ci furono diversi tentativi di furto, dopo di che le autorità hanno proposto di conservarlo in un museo. Tuttavia, i residenti hanno rifiutato l'offerta poiché considerano il manoscritto come un proprio patrimonio culturale.

La gente del posto ricorre al Corano per prestare giuramento o supplicare Dio durante il verificarsi di problemi e calamità nel loro villaggio, e questo è ciò che ha spinto Abdullah a tenere la copia fino ad ora nella sua casa e a non consegnarla a nessun ente governativo.

Zana Johar, un insegnante di Corano del villaggio che ha imparato a leggere e scrivere durante l'infanzia grazie a questo manoscritto, ha lamentato la mancanza di cura e interesse da parte delle autorità per il loro villaggio storico e il suo patrimonio. "Se questa copia del Corano fosse stata in qualsiasi altro paese, molti studi storici e ricerche sarebbero stati condotti su di essa per rivelare i materiali utilizzati per scriverla, in particolare la carta utilizzata in essa".

 

 
 

 

 

 

 

https://iqna.ir/en/news/3477515/700

Nome:
Email:
* Commento:
* captcha: