IQNA

22:18 - July 08, 2020
Notizie ID: 3485229
Iqna - Un alto funzionario di Hamas ha elogiato il leader della rivoluzione islamica Ayatollah Seyyed Ali Khamenei per aver inviato una nota di sostegno al movimento di resistenza palestinese, affermando che la lettera mostra che l’Iran non lascerà la Palestina da sola di fronte a trame israeliane e americane

Un alto funzionario di Hamas ha elogiato il leader della rivoluzione islamica Ayatollah Seyyed Ali Khamenei per aver inviato una nota di sostegno al movimento di resistenza palestinese, affermando che la lettera mostra che l’Iran non lascerà la Palestina da sola di fronte a trame israeliane e americane.

Parlando con l’agenzia di stampa della Repubblica islamica (IRNA) a Gaza martedì, Ismail Radwan, un portavoce di Hamas, ha ringraziato l’Ayatollah Khamenei per la sua lettera di sostegno a Ismail Haniyeh, capo dell’ufficio politico del gruppo di resistenza palestinese.

Nella sua lettera, l’Ayatollah Khamenei aveva assicurato ai combattenti della resistenza palestinese che come sempre l’Iran mantiene la schiena dritta e non abbandonerà il suo dovere di affrontare la natura malvagia del regime israeliano occupante.
Leader: l’Iran, come sempre, non risparmierà alcuno sforzo per combattere il male israeliano
Il leader della rivoluzione islamica, l’Ayatollah Seyyed Ali Khamenei, afferma che l’Iran non rinuncerà mai al suo dovere di affrontare la natura malvagia del regime israeliano occupante.

Il funzionario di Hamas ha affermato che la posizione del leader è indicativa del chiaro sostegno dell’Iran al movimento di resistenza palestinese, aggiungendo: “Questo dimostra che non siamo soli nella regione in un pieno confronto con l’entità sionista e il progetto degli americani”.

Radwan ha lodato la Repubblica islamica per non aver vacillato a sostegno della causa palestinese contro l’occupazione israeliana, nonostante tutte le pressioni e le sanzioni che sta affrontando.

Il funzionario di Hamas ha aggiunto che il sostegno dell’Iran alla Palestina spaventa il regime israeliano.
L’annessione di terre israeliane prevede l’aggressione contro i palestinesi: concordano Hezbollah e Hamas.
Hamas e Hezbollah individuano il piano israeliano di annettere parti della Cisgiordania come un atto di “aggressione contro il popolo palestinese”.

Radwan ha affermato che Hamas continuerà fortemente a resistere fino alla sconfitta dell’occupazione del regime israeliano e al cosiddetto accordo del secolo dell’amministrazione americana, aggiungendo che il regime non avrebbe mai potuto rubare la terra palestinese.

Ha inoltre invitato l’Autorità palestinese a smettere di cooperare con gli organismi di sicurezza che lavorano per aprire la strada al riconoscimento dell’entità israeliana, sollecitando la formazione del più grande fronte arabo-islamico, guidato dall’Iran e dal movimento di resistenza, per fornire pieno sostegno alla Palestina di fronte all’occupazione.

Nota:
La dichiarazione di uno dei leader di Hamas dimostra che la forzatura di Israele, forte dell’appoggio degli USA, nel voler procedere al piano di annessione della Cisgiordania ha ottenuto un effetto che a Washington non prevedevano: sarà l’Iran sciita il paese che guiderà il fronte della resistenza contro l’occupazione israeliana.
Questo ha un significato da non sottovalutare perchè indica che l’asse della resistenza costituito da Siria, Hezbollah e Iran si è esteso alla Palestina, non soltanto Hamas ma anche le altre organizzazioni della resistenza oggi riconoscono la leaderschip di Teheran nella lotta contro Israele e contro gli USA. Se a Washington pensavano che l’Iran sarebbe rimasto isolato sulla scena internazionale, i calcoli degli USA si sono dimostrati del tutto errati.

di Luciano Lago

 

 

https://www.controinformazione.info

Nome:
Email:
* Commento:
* captcha: