IQNA

23:57 - June 11, 2021
Notizie ID: 3486301
Tehran-Iqna- Era qualcosa che la comunità musulmana di Winnipeg, nella provincia canadese del Manitoba, sperava di non dover mai più fare
Canada: centinaia di persone commemorano vittime attacco islamofobico a Ontario

Ma poco più di quattro anni dopo una sparatoria di massa mortale in una moschea di Quebec City, si sono riuniti di nuovo per piangere e condannare le vite interrotte dall'odio.

Centinaia di persone si sono presentate giovedì sera a una veglia drive-up e socialmente distanziata presso la Grande Moschea di Winnipeg per piangere le recenti uccisioni di membri di una famiglia di Londra, Ontario, e anche chiedere la fine dell'islamofobia.

"Pensare: una famiglia che va a fare una passeggiata non potrebbe tornare a casa... Quante altre vite ci vorranno perché il mondo ascolti?" Leen Aljindi ha detto ai presenti.

Aljindi, 17 anni, è un giovane membro della Manitoba Islamic Association ed è stato invitato dagli organizzatori a parlare.

"Sono diventato riluttante a definirmi canadese e orgoglioso perché il nostro Canada è un luogo di razzismo", ha detto lo studente di grado 12 della Vincent Massey Collegiate di Winnipeg.

"L'islamofobia è reale".

Salman Afzaal, 46 anni, sua moglie, Madiha Salman, 44, la loro figlia, Yumna Afzaal, 15, e la madre di Salman, Talat Afzaal, 74, sono stati uccisi domenica nella città dell'Ontario dopo essere stati investiti da un camion.

Il membro più giovane della famiglia, Fayez di nove anni, è sopravvissuto e rimane in ospedale.

Un uomo di 20 anni è accusato di omicidio di primo grado e tentato omicidio. La polizia dice che ha preso di mira la famiglia a causa della loro fede musulmana.

La relativa giovinezza del sospettato è "la prova che il razzismo non è un problema generazionale", ha detto Aljindi. "Non conosce età, volto o sesso."

Nome:
Email:
* Commento:
* captcha: