IQNA

22:49 - March 29, 2022
Notizie ID: 3487430
TEHRAN (IQNA)- Il rapper e attivista britannico Kareem Dennis ha detto che "non lo metteranno tacere sulla Palestina" dopo che un gruppo di lobby pro-Israele ha fatto una campagna per rimuovere le sue tracce dalla piattaforma musicale di streaming Spotify a causa della sua posizione pro-palestinese e della condanna di l'occupazione israeliana

Questa campagna coordinata è un'estensione della brutalizzazione dei palestinesi, ha detto Lowkey, meglio conosciuto con il suo nome d'arte Lowkey, al media online londinese Middle East Eye.
 
“I palestinesi vengono regolarmente arrestati da Israele per i post sui social media, compresi i bambini. Dareen Tatour ha trascorso quasi un anno in prigione per aver pubblicato una poesia sul suo Facebook", ha detto.
 
"Il tentativo di rimuovere la mia musica da Spotify da parte di un gruppo che è stato creato e coltivato da BICOM (Britain Israel Communications and Research Centre), ha lavorato con il Ministero degli Affari Strategici e si è identificato pubblicamente come un gruppo di pressione israeliano è in definitiva il suo stesso obiettivo per il regime dell'apartheid", ha aggiunto.
 
"Artisti e musicisti non dovrebbero mai temere minacce ai loro mezzi di sussistenza o alla loro persona per la musica che fanno. Non saremo messi a tacere sulla Palestina, non ora, mai", ha affermato Lowkey. .
 
Il gruppo di base filo-israeliano britannico "We Believe in Israel" afferma che sta spingendo per rimuovere la musica del rapper britannico da Spotify dopo aver definito le sue canzoni "problematiche", inclusa la sua canzone del 2010 "Long Live Palestine". - Parte 2".
 
Si dice che il direttore del gruppo, Luke Akehurst, partecipi regolarmente agli eventi del regime israeliano volti a sviluppare idee su come vietare la solidarietà pro-Palestina sulle piattaforme online.
 
 
 
3480206
Nome:
Email:
* Commento:
* captcha: