IQNA

Conferenza OCSE: attivisti per i diritti umani denunciano aumento dell'islamofobia sponsorizzata dallo Stato in Europa

23:57 - October 03, 2022
Notizie ID: 3488074
Tehran-Iqna- Le organizzazioni della società civile musulmana hanno accusato i paesi europei di sopprimere le comunità islamiche, lanciando l'allarme per un'ondata crescente di islamofobia di Stato in Europa

Conferenza OCSE: attivisti per i diritti umani denunciano aumento dell'islamofobia sponsorizzata dallo Stato in Europa

 

Le organizzazioni della società civile musulmana hanno accusato i paesi europei di sopprimere le comunità islamiche, lanciando l'allarme per un'ondata crescente di islamofobia di Stato in Europa.

Francia, Danimarca e Austria sono tra i paesi indicati per le politiche che secondo gli attivisti stanno contribuendo a una "soppressione sistematica della società civile musulmana" in tutto il continente.

Intervenendo alla Conferenza sulla dimensione umana dell'Organizzazione per la sicurezza e la cooperazione d'Europa (OCSE) a Varsavia, Lamies Nassri, project manager presso il Centro per i diritti dei musulmani (CEDA) in Danimarca, ha affermato che l'islamofobia si sta diffondendo in tutta Europa ed ha invitato i governi a proteggere i loro cittadini musulmani.

Nassri ha detto ai delegati: "È vostra responsabilità come Stati membri fare in modo che i cittadini dei vostri paesi siano protetti dal razzismo di Stato, dalla sorveglianza, dalla stigmatizzazione e dalla violenza sia simbolica che fisica".

Evidenziando la situazione in Danimarca, Nassri ha affermato che l'islamofobia è stata "attivata direttamente attraverso la politica e la partecipazione dello Stato" e "non è più una questione di estrema destra, ma è condivisa da tutto lo spettro politico".

Nassri ha osservato che molti musulmani in Danimarca hanno subito discriminazioni per il fatto di essere stati etichettati come persone provenienti da ambienti non occidentali.

L'attivista ha citato l'impatto sulle comunità islamiche delle cosiddette "leggi del ghetto", un pacchetto di misure mirate ai quartieri svantaggiati con una grande popolazione proveniente da migranti e minoranze etniche che il governo danese ritiene necessarie per promuovere l'integrazione.

Nassri ritiene che le misure in questione siano discriminatorie nei confronti dei musulmani e delle minoranze etniche, privandoli dei loro diritti e dipingendoli come "nemici all'interno dello stato, che vivono in società parallele che devono essere combattute".

"Vediamo questo obiettivo anche nel modo in cui le famiglie musulmane sono descritte come oppressive e controllanti nei confronti dei loro figli e, in quanto tali, hanno bisogno di essere sorvegliate", ha aggiunto, citando una legge che richiede ai residenti non occidentali nei quartieri "ghetto" di mettere i loro bambini negli asili nido statali dall'età di un anno "per ricevere un'istruzione nei valori e nella lingua danese".

Gli attivisti francesi dal canto loro hanno evidenziato l'impatto sulla comunità islamica della cosiddetta "carta degli Imam", adottata lo scorso anno dal Consiglio francese della fede musulmana per volere del presidente francese Emmanuel Macron.

Elias d'Imzalene della ONG francese Perspectives Musulmanes ha affermato che la carta equivaleva a una "politica orwelliana" che cerca di imporre "una nuova lettura dell'Islam ordinata dallo Stato".

"La polizia minaccia di chiudere qualsiasi moschea con questa nuova inquisizione mentre viene condotta anche una caccia politica, prendendo di mira le voci dissenzienti della comunità, rendendo così l'espressione di parere da parte dei musulmani essenzialmente criminale", ha dichiarato d'Imzalene.

Muhammad Rabbani, amministratore delegato di Cage, un'organizzazione di difesa con sede nel Regno Unito che lavora anche in Francia, ha affermato che i musulmani francesi hanno dovuto affrontare un "programma di repressione guidato dallo Stato" in cui le organizzazioni critiche nei confronti delle politiche del governo hanno dovuto essere censurate, chiuse e criminalizzate.

Citando la repressione nei confronti dei musulmani uiguri in Cina e la violenza e la discriminazione contro i musulmani indiani promossa dal governo nazionalista indù del primo ministro Narendra Modi, Rabbani ha affermato: “La Francia si è ora unita alla compagnia di Cina e India, che stanno entrambe conducendo una persecuzione religiosa contro un'intera minoranza musulmana”.

La conferenza ha anche ascoltato Nehal Abdalla, un advocacy officer presso ACT-P, un'organizzazione austriaca costituita per sostenere i bambini coinvolti nelle incursioni della polizia all'indomani dell'operazione Luxor.

La polizia antiterrorismo austriaca ha fatto irruzione nelle abitazioni di 70 famiglie musulmane e arrestato 30 accademici e attivisti nell'operazione del novembre 2020, ma nessuno è stato successivamente accusato di alcun reato.

Abdalla ha affermato che le famiglie e i bambini coinvolti nelle incursioni si sono risvegliati in un "incubo della vita reale".

"L'operazione Luxor è riuscita a diffondere il terrore nella comunità islamica nonostante non sia riuscita nemmeno a perseguire con successo un individuo. Il modo in cui questi raid sono stati progettati ed eseguiti ha rivelato un programma di islamofobia perpetrato dallo Stato”.

 

 

 

iqna.ir/en/news/3480675

Nome:
Email:
* Commento:
captcha