IQNA

22:24 - January 17, 2020
Notizie ID: 3484699
IQNA - La preghiera del Venerdì è un raduno religioso-politico settimanale. Dimostra simbologicamnete l'appoggio e unione del popolo con lo spirito di resistenza. Riportiamo una parte dell'importante discorso del Leader religioso Ayatollah Khameni.

Durante il discorso della preghiere del venerdì, oggi a Teheran, l'Ayatollah Khamenei ha dichiarato le parole riportate quì sotto:

Le ultime due settimane sono state settimane ricche di eventi. Abbiamo vissuto una serie di eventi amari e dolci durante queste due settimane dalle quali abbiamo imparato nuove cose.

Che cosa significa "giorno di Allah"? È il giorno in cui si vede il potere di Dio negli eventi.

Il giorno in cui milioni e milioni di persone, in Iran e centinaia di migliaia in Iraq e in altri paesi sono scesi in strada per onorare il martire Soleimani, creando il più grande funerale del mondo, questo è uno dei giorni di Dio.

Il giorno in cui i missili dell'IRGC hanno demolito la base militare americana in Iraq è da considerare un altro dei giorni di Allah. Una nazione che ha lo spirito di resistere e reagire dinanzi a una potenza globale arrogante e guerrafondaia mostra il potere di Dio ed è quindi uno dei giorni della percezione del potere di Dio".

L'Ayatollah Khamenei ha inoltre affermato:

Dopo 41 anni di resistenza e stabilità dalla vittoria della Rivoluzione Islamica, quale potere ha potuto portare questa folla impareggiabile e singolare ai funerali del martire Soleimani? Chi ha forgiato queste lacrime, amore e compassione? Quale fattore potrebbe realizzare un tale miracolo se non il potere di Dio?"

Il governo ipocrita degli Stati Uniti è stato vigliacco nel definire il Martire Soleimani un terrorista quando è stato riconosciuto da tutti come il comandante più importante e potente nella lotta contro il terrorismo. Quale altro comandante ha fatto le grandi cose che ha fatto il martire Soleimani per la regione?

L'impero sionista tramite il proprio dominio nel mondo dell'informazione ha cercato di far passare il nostro onorevole generale come se fosse un terrorista! Dio, però, ha fatto si che avvenisse il contrario di ciò che volevano. Non solo in Iran ma in vari paesi, la gente ha ricordato questo martire e ha mostrato la propria indignazione bruciando le bandiere dei Sionisti e degli USA.

Il governo degli Stati Uniti ha assassinato il martire Soleimani, non sul campo di battaglia, ma in modo vile e codardo. Prima di allora, tali omicidi erano la tipica strategia del regime sionista. Ora è il presidente degli Stati Uniti che ammette da solo di aver assassinato Soleimani. Dio ha potere di colpire qualcuno e farlo confessare.

La potente risposta dell'IRGC nell'attacco della base militare americana merita riflessione. È stato un duro colpo per gli Stati Uniti. È stato un efficace attacco militare. Più importante e più grande di un semplice attacco, è stato un duro colpo per la loro dignità e timore reverensiale che gli Stati Uniti sucitano come superpotenza.

Per anni, gli Stati Uniti stanno subendo sconfitte dalla Resistenza in Siria, Iraq, Libano e Afghanistan. Ma riuscire a colpire una base militare americana è stata una vittoria più grande, poiché ha sfidato il prestigio e spezzato il timore reverenziale verso gli Stati Uniti. Hanno reagito dicendo che intensificheranno le sanzioni. Questo non riconquistarerà la loro dignità.

Durante il discorso la Guida Suprema ha ricordato i martiri Soleimani e Abu Al Muhandis sottolinando la necessità di avere verso i due martiri uno sguardo che possa permetterci di guardarli come delle vere e proprie correnti ideologiche.

Il Leader continua:

La Forza Quds (di cui faceva parte anche il martire Soleimani), ha obiettivi umani elevati. Guarda dappertutto e verso tutti con tolleranza. Sono combattenti senza frontiere che vanno ovunque sia necessario per proteggere gli oppressi. 

I combattenti della Quds Force sacrificano le loro vite per aiutare gli oppressi nella regione. Li aiutano a combattere il terrorismo e l'arroganza globale.

Con l'affluenza per i funerali di Soleimani, la nazione iraniana ha mostrato di sostenere la resistenza contro l'aggressione del nemico. Questi pagliacci americani si mostrano vicini e con il popolo iraniano. Dovrebbero conoscere meglio chi è il popolo iraniano.

Le poche centinaia di persone che hanno mancato di rispetto dell'onorevole generale Soleimani staccando una sua foto protestando, sono il popolo dell'Iran? Oppure, le decine di milioni che hanno partecipato ai suoi funerali?

Il malvagio governo degli Stati Uniti dice ripetutamente di stare dalla parte del popolo iraniano. Mentono! Sono dalla parte del popolo iraniano solo per pugnalarli nel cuore con velenosi pugnali. Naturalmente, finora hanno fallito, e continueranno sicuramente a fallire.

Il governo francese, tedesco e il feroce governo britannico hanno dimostrato ancora una volta di essere pedine degli Stati Uniti. Questi 3 paesi sono quelli che hanno aiutato Saddam il più possibile nella guerra imposta contro di noi.

Il governo tedesco ha fornito a Saddam armi chimiche per colpire le nostre città, e i suoi effetti sono ancora documentabili. Il governo francese ha fornito a Saddam Super Étendards per attaccare le nostre navi petrolifere. Il governo britannico ha servito Saddam in ogni modo. 

Anche quando questi governi chiedono di negoziare, i loro piani sono basati sull'inganno. Le stesse persone che si siedono al tavolo dei negoziati, sono gli stessi terroristi dell'aeroporto di Baghdad con vesti differenti.

Qual è il nostro dovere? La cara nazione iraniana deve diventare più forte. Il potere non è solo potere militare. L'economia del paese deve essere rafforzata. La dipendenza dal petrolio dovrebbe cessare. La crescita scientifica e tecnologica dovrebbe continuare.

Al termine del suo discorso la Guida religiosa ha svolto un ulteriore discorso in lingua araba, ricordando il vice comandante delle forze di resistenza popolare iracheno, Al Muhandis, anche lui martirizzato insieme al generale Soleimani. Il Leader incita ad una maggiore unione e solidarietà nella lotta contro le forze imperialiste nella regione.

 

 

FOTO: https://iqna.ir/it/   

 

 

Nome:
Email:
* Commento: