IQNA

11:28 - April 01, 2020
Notizie ID: 3484913
Tehran-Iqna- In Marocco, cristiani, ebrei e musulmani hanno tenuto lo scorso 25 marzo una preghiera collettiva per chiedere al Signore un aiuto nel superare la dura prova della pandemia globale di coronavirus

In Marocco, cristiani, ebrei e musulmani hanno tenuto lo scorso 25 marzo una preghiera collettiva per chiedere al Signore un aiuto nel superare la dura prova della pandemia globale di coronavirus.

L'iniziativa era partita dall'Arcivescovo di Rabat, il Cardinale Cristobal Lopez Romero, che aveva invitato i fedeli delle tre religioni monoteistiche a pregare tutti insieme, alle ore otto di sera, per il superamento della crisi che sta colpendo il mondo. 
 
Nell'invitare i fedeli all'iniziativa, l'Arcivescovo Romero aveva scritto sulla sua pagina Facebook: "Contro la pandemia di coronavirus, una pandemia di preghiera. Ebrei, cristiani e musulmani, tutti uniti nella preghiera, […] tutti accendono una candela davanti a una finestra e pregano insieme".
 
"Gli ebrei pregheranno o canteranno la Shemá, i cristiani la preghiera del Signore e i musulmani la Fatiha. Queste preghiere possono essere fatte a bassa voce o ad alta voce, individualmente, in gruppo o in famiglia", aveva chiesto il religioso.
 
In Marocco il numero di cittadini di fede cristiana è stimato intorno a 13.000 persone, che vivono principalmente tra Marrakech, Tangeri e Meknes. Gli ebrei invece sono circa 1.500. Il Marocco è un paese prevalentemente musulmano.

 

https://iqna.ir/fr/

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Iqna-E' autorizzata la riproduzione esclusivamente citando la fonte

Nome:
Email:
* Commento:
* captcha: