IQNA

AFP: Il Qatar, ospitando i mondiali, cerca di cambiare l'immagine distorta sull'Islam

23:45 - December 05, 2022
Notizie ID: 3488324
Tehran-Iqna- In un servizio, la France Press ha sottolineato gli sforzi del Qatar a margine della Coppa del Mondo FIFA 2022 per aumentare la consapevolezza sull'Islam e combattere la distorsione in atto in alcuni media mainstream nei confronti della religione islamica

AFP: Il Qatar, ospitando i mondiali, cerca di cambiare l'immagine distorta sull'Islam

 

Orgogliosamente musulmano, il Qatar ha approfittato della Coppa del Mondo per raggiungere le centinaia di migliaia di tifosi in visita nel paese per presentare un'immagine corretta e veritiera dell'Islam.

L'emirato del Golfo è la prima nazione musulmana a ospitare una Coppa del mondo di calcio e le sue ricchezze di gas l'hanno dotata di una serie di grandi moschee per stuzzicare la curiosità dei visitatori.

La coppia canadese Dorinel e Clara Popa ha ascoltato la chiamata alla preghiera in una moschea in stile ottomano nel distretto culturale Katara di Doha.

È conosciuta come la Moschea Blu di Doha per via dei sontuosi mosaici di piastrelle blu e viola sulle pareti. Una guida ha accompagnato la coppia in un tour degli elaborati interni dominati da un gigantesco lampadario.

Dorinel Popa, una contabile di 54 anni, ha detto che la coppia stava dando un primo sguardo all'Islam.

"Abbiamo pregiudizi contro la cultura e le persone", a causa della mancanza di esposizione agli altri, ha detto.

Caffè e fede

"Abbiamo alcuni pensieri in testa e ora forse alcuni di loro cambieranno", ha aggiunto la moglie, un medico di 52 anni.

Il Qatar Guest Center, che supervisiona la Moschea Blu, ha portato in Qatar dozzine di predicatori musulmani da tutto il mondo per il torneo.

Fuori dalla moschea ci sono opuscoli in diverse lingue che spiegano l'Islam e il profeta Maometto, insieme a caffè arabo e datteri.

Il volontario siriano Ziad Fateh ha detto che la Coppa del Mondo è "un'opportunità per introdurre milioni di persone all'Islam" e cambiare "idee sbagliate" su una religione che molti in Occidente collegano al radicalismo.

"Spieghiamo alla gente di più sull'etica, l'importanza del legame familiare e il rispetto per i vicini e i non musulmani", ha aggiunto.

Vicino alla moschea, i volontari hanno gestito un tavolo destinato alle donne in visita con un cartello che diceva: "Chiedimi del Qatar".

A chi si ferma viene offerto anche il caffè arabo.

Un volontario palestinese, Somaya, ha detto che la maggior parte delle domande riguardavano "il velo, la poligamia e se le donne sono oppresse nell'Islam".

Nelle vicinanze, i visitatori possono guardare un tour di realtà virtuale dell'Islam di cinque minuti.

La campagna è in corso in tutto il Qatar.

'Felicità' nell'Islam

Nel quartiere Pearl, dove vivono molti espatriati e frequentano i suoi costosi caffè e ristoranti, sono stati dipinti dei murales con citazioni del Profeta Maometto (pace su di lui) che esortano alla buona moralità.

I centri commerciali di lusso portano pubblicità che promuovono l'Islam.

Nel mercato del Souq Waqif, dove ogni giorno si radunano migliaia di fan, in un vicolo vengono lasciati libri e opuscoli gratuiti con un cartello che dice: "Se cerchi la felicità... la troverai nell'Islam".

Vicino al Souq, il Centro culturale islamico Sheikh Abdulla bin Zaid è aperto 12 ore al giorno per visite guidate.

Alcuni leader musulmani in Qatar hanno chiesto sforzi per convertire i tifosi di calcio in visita all'Islam.

Sultan bin Ibrahim Al Hashemi, professore di legge della sharia all'Università del Qatar che dirige la stazione radio Voice of Islam, ha affermato che la Coppa del mondo dovrebbe essere utilizzata per trovare nuovi convertiti e per contrastare l'islamofobia.

Hashemi ha detto ad AFP che nei suoi incontri con i fan stranieri: "Offrirò loro di convertirsi all'Islam.

"Se troverò l'opportunità, offrirò loro l'Islam con facilità e grazia, e se non troverò l'opportunità, dirò loro che siete nostri ospiti e nostri fratelli in umanità".

Ma ha sottolineato che l'Islam non accetta la conversione attraverso la coercizione.

I post sui social media hanno affermato che centinaia di fan hanno cambiato fede, ma il servizio di verifica dei fatti di AFP ha dimostrato che tali affermazioni sono false.

Un funzionario del ministero delle donazioni religiose del Qatar ha detto all'AFP che l'obiettivo dello stato non era "il numero di convertiti all'Islam, ma piuttosto il numero di coloro che cambiano opinione al riguardo".

 

 

 

https://iqna.ir/en/news/3481540

Nome:
Email:
* Commento:
captcha