IQNA

Arte della recitazione del Corano - 13

Un eccezionale 'Lahn' nelle recitazioni del Corano di Shahat Muhammad Anwar

23:21 - December 04, 2022
Notizie ID: 3488320
Tehran-Iqna- Le recitazioni del Corano del qari (recitatore del Corano) egiziano Shahat Muhammad Anwar sono Hazeen (con un tono di dolore e tristezza) e questo è ciò che è raccomandato negli Hadith

Un eccezionale 'Lahn' nelle recitazioni del Corano di Shahat Muhammad Anwar

 

Shahat Muhammad Anwar (1950-2008) possedeva un Lahn (ritmo) dolce e delicato nel recitare il Corano che lo distingueva dagli altri qari egiziani.

Il suo stile speciale di recitazione del Corano si aggiungeva alla spiritualità delle sue recitazioni. Ci sono qari che prestano più attenzione a Lahn che a Shahat, ma a causa del suo carattere aggraziato e aggraziato e dell'Hozn (dolore, tristezza) nella sua voce, le recitazioni del Maestro Shahat rimangono popolari.

Il gusto e la comprensione della bellezza da parte delle persone differiscono da persona a persona. Il tuo gusto è influenzato dalla geografia, dalla cultura, dalle tradizioni, dai costumi e dagli stati d'animo. Gli stati d'animo del qari e dell'ascoltatore influenzano il modo in cui viene ricevuta una recitazione.

Le recitazioni di Shahat Corano sono Hazeen. C'è un semplice criterio per descrivere una performance come Hazeen. Se hai sentito una recitazione del Corano e ti ha fatto piangere, è Hazeen. Negli hadith veniva spesso enfatizzata la recitazione del Corano con Hozn.

Naturalmente, i versi che parlano della misericordia e della benedizione di Dio dovrebbero portare speranza e gioia all'ascoltatore, ma la speranza e la gioia possono essere trasmesse anche attraverso la recitazione di Hazeen.

Se il recitatore del Corano (qari) recita i versi senza trasmettere alcun sentimento nella sua voce, la sua performance sembrerà meccanica.Alcuni sentimenti come paura, tristezza, felicità, gioia, speranza, rabbia, gentilezza sono sentimenti interni, ma possono essere trasmessi in recitazione e Maseter Mustafa Ismail ha utilizzato questa tecnica molte volte per trasmettere i significati. Anche il Maestro Shahat ha usato questa tecnica per trasmettere il significato dei versi.

Ad esempio, nella loro recitazione della Sura Taha durante una visita in Iran nel 1990, quando il Maestro Shahat recitò i versi 45 e 46: “Essi dissero: 'Signore! Abbiamo paura che se la prenda con noi o che si ribelli. (45) Disse: "Non abbiate paura! Sono con te, ascolto e vedo. (46)”, trasmetteva un sentimento di speranza e ottimismo.

 

 

 

https://iqna.ir/es/news/3507462

Nome:
Email:
* Commento:
captcha